MotoGP, Bradley Smith chiama KTM: “Se bussano sono qui”

Bradley Smith
Bradley Smith (Getty Images)

MotoGP, Bradley Smith chiama KTM: “Se bussano sono qui”

Bradley Smith ha un contratto come collaudatore Aprilia, ma non nasconde di ambire alla sella lascia vacante da KTM per il prossimo anno. Il pilota britannico corre regolarmente anche in MotoE e ha persino gareggiato come sostituto nel Gran Premio di casa a Silverstone una gara di Moto2.

Smith vorrebbe tornare definitivamente alla classe regina, ma i posti sono fortemente contestati. Per il 2020 solo KTM ha una sella libera e sembra orientata verso il tester Mika Kallio. Nel 2017/18 ha guidato due anni per il produttore austriaco. Quali sono le sue possibilità di ritorno? “So di essere nella lista, ma finora nessuno ha bussato alla mia porta o mi ha fatto un contratto”, afferma Bradley Smith in un’intervista esclusiva con Motorsport-total.com. “KTM sa che vorrei tornare. Quando ho lasciato il campionato l’anno scorso, ho detto che quest’anno dovrebbe essere un’eccezione e il mio obiettivo è tornare nel 2020, e non è ancora finita. Due mesi fa la possibilità era molto piccola e ora è molto più grande. Ma non mi sto davvero concentrando su questo adesso perché non è ancora una realtà”.

Il 28enne ha un contratto di due anni con Aprilia, ma gli lascia spazio per “usare l’opzione KTM quando sarà disponibile”. Tuttavia, il suo focus è attualmente sulla MotoE e sulla lotta per il titolo. Guardando indietro al proprio passato con KTM, Smith non sembra meravigliato del caso Johann Zarco. “Tutto sembra molto più semplice dall’esterno, nessuno sa com’è davvero provarlo da soli. Non volevo questo perché adoro i ragazzi con cui ho lavorato negli ultimi due anni, tutti, dagli ingegneri ai meccanici alla direzione, si sono presi cura di me. Mi dispiace che non abbia funzionato, ma sono qui quando hanno bisogno di me per guidare. Forse non sono il rimedio magico – ha concluso Bradley Smith -, ma sono qualcuno che fa del suo meglio, e il mio meglio in assoluto non lo è lontano da ciò di cui hanno bisogno in questo momento”.