Treno figlio
Treno (Getty Images)

Una donna di 50 anni, affetta da un cancro, ha deciso di suicidarsi lanciandosi sotto un treno nella giornata di ieri 1 ottobre alla stazione di Casoria-Afragola (Napoli). Il convoglio che viaggiava a bassa velocità le ha tranciato una gamba e la morte è sopraggiunta per dissanguamento.

Un dramma dettato con molta probabilità dalla disperazione quello verificatosi nella giornata di ieri 1 ottobre presso la stazione di Casoria-Afragola, Napoli: una donna di 50 anni affetta da un cancro ha deciso di suicidarsi lanciandosi sotto un treno. Il convoglio, appena partito, procedeva a bassa velocità e per tale ragione alla donna sarebbe stata tranciata solo una gamba che avrebbe fatto in ogni caso sopraggiungere la morte per dissanguamento. Inutili i tentativi di soccorso operati dai sanitari del 118 che non sono riusciti a salvare la vita alla 50enne.

Leggi anche —> Uomo sotto processo con accuse gravissime: “Ha fatto ciò che voleva alle figlie”

Donna di 50 malata di cancro si lancia sotto un treno: viaggiatori sotto choc

Aveva ancora il drenaggio della chemioterapia attaccato al ventre la donna di 50 anni che nella giornata di ieri, martedì 1 ottobre, ha deciso di lanciarsi sotto un treno appena partito dalla stazione di Casoria-Afragola, Napoli. Una tragedia avvenuta intorno alle 16 del pomeriggio sotto gli occhi increduli dei viaggiatori presenti sulla banchina. Il convoglio che ha investito la donna, tranciandole una gamba che l’ha fatta morire dissanguata, proveniva da Villa Literno ed era diretto a Napoli. Stando a quanto riportato dalla redazione La Voce di Napoli, sul luogo sono sopraggiunti immediatamente i sanitari del 118 che purtroppo non hanno potuto salvare la vita alla donna, e la Polizia Ferroviaria guidata dal dirigente Michele Spina che hanno ricostruito la dinamica dell’accaduto. Grazie alle telecamere di sorveglianza poste all’interno della stazione, gli inquirenti hanno appurato che la donna si sarebbe lanciata sotto il convoglio diretto a Napoli. La circolazione del traffico ferroviario è rimasta bloccata per ore, durante le quali sono stati effettuati tutti i rilievi del caso e trasportato all’obitorio il corpo della 50enne, residente a Casoria.

Leggi anche —> Orrore alle prime luci dell’alba: la macabra scoperta dei carabinieri in una valigia