Marco Vannini: la decisione della Procura nei confronti del maresciallo Izzo

0
457
Marco Vannini
Marco Vannini (foto dal web)

La Procura della Repubblica di Civitavecchia ha deciso di archiviare il procedimento aperto a carico del maresciallo dei carabinieri Roberto Izzo nell’ambito dell’inchiesta Marco Vannini bis.

Il procedimento aperto dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia nei confronti del maresciallo dei carabinieri Roberto Izzo è stato archiviato. I magistrati avevano aperto il procedimento a carico dell’ex comandante di Ladispoli dopo le dichiarazioni rilasciate dal commerciante di Tolfa Davide Vannicola in merito alla morte di Marco Vannini, il ragazzo 20enne deceduto dopo essere stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco esploso in casa della fidanzata. Vannicola alla trasmissione Le Iene aveva raccontato che Izzo gli aveva riferito che a sparare al ragazzo non era stato Antonio Ciontoli, ma il figlio Federico. Dopo la testimonianza del commerciante la procura aveva aperto un fascicolo per favoreggiamento e falsa testimonianza che adesso, secondo quanto riportato in un post pubblicato dalla pagina Facebook della redazione di Quarto Grado, sarebbe stato archiviato.

Marco Vannini: la Procura di Civitavecchia archivia il procedimento a carico del maresciallo Izzo

I magistrati della Procura della Repubblica di Civitavecchia hanno archiviato il procedimento contro il maresciallo dei carabinieri Roberto Izzo nell’ambito dell’inchiesta Vannini bis. L’ex comandante della stazione dei carabinieri di Ladispoli era finito nel mirino degli investigatori dopo le varie dichiarazioni rilasciate da Davide Vannicola in merito alla morte di Marco Vannini, il ragazzo deceduto nel maggio 2015 dopo essere stato colpito da un proiettile. Il commerciante di Tolfa ai microfoni della trasmissione Mediaset Le Iene aveva parlato di una confessione fattagli proprio da Izzo per cui a sparare quella maledetta sera era stato Federico Ciontoli e non il padre Antonio, condannato a 5 anni per omicidio colposo. A dare la notizia dell’archiviazione è stato un post pubblicato da Quarto Grado sulla propria pagina Facebook firmato dalla giornalista ed inviata del programma Anna Boiardi. Probabilmente nonostante le accuse di Vannicola, gli inquirenti che si sono occupati del caso, interrogando numerosi testimoni, tra cui la fidanzata di Federico Ciontoli Viola Giorgini, non hanno trovato riscontri ed hanno optato per l’archiviazione.

Leggi anche —> Marco Vannini, spunta una registrazione: Ciontoli sarebbe stato denunciato da una prostituta