Farmaco ritirato prisma
Il farmaco ritirato Prisma, tolto dal mercato per una anomalia – FOTO: screenshot

L’Agenzia Italiana del Farmaco diffonde una nota ufficiale in cui spiega tutto: il farmaco ritirato per una evidente anomalia prontamente segnalata.

Arriva una nuova comunicazione da parte dell’Aifa riguardo ad un farmaco ritirato. Questa volta ad essere finito nel mirino degli ispettori è il PRISMA 50 mg capsule uso orale, lotto n. NGP 19075 scad. 04/2024, Aic 023653076 della ditta NEOPHARMED GENTILI SPA. Si tratta di un prodotto molto diffuso, comunemente impiegato per prevenire e trattare la formazione di coaguli nel sangue (i cosiddetti trombi, n.d.r.) che possono formarsi all’interno dei vasi sanguigni. Una condizione che può essere poi potenzialmente letale. In base ad una segnalazione, si apprende che alcune capsule presentano una anomala colorazione marrone anziché quella consueta in rosa. Da qui la scelta di diramare un comunicato ufficiale in merito, con il farmaco ritirato già sparito dagli scaffali di tutto le farmacie. Ovviamente in base al lotto di riferimento.

LEGGI ANCHE –> Tumore, le donne in Italia non hanno quasi mai sostegno al lavoro

Farmaco ritirato, il Prisma tolto dagli scaffali

Il Prisma si caratterizza per la presenza del principio attivo mesoglicano. Le cui proprietà vengono impiegate anche nella prevenzione e nelle terapie del caso quando ci si trova in presenza di ulcere venose di tipo cronico, emorroidi e flebiti. Come anche nei casi di vene varicose e di insufficienze venose. La settimana scorsa era stata invece comunicata la notizia inerente il ritiro dal mercato di numerosi farmaci, con tanti altri sottoposti ad un provvedimento di sospensione. In questo caso i motivi di tale scelta sono da ricercare nella eventuale presenza di possibili sostanze cancerogene al suo interno. Fra questi medicinali molti sono di marche assai conosciute ed impiegate per la cura e lo svolgimento di terapie di diverso tipo.

LEGGI ANCHE –> Farmaco ritirato Cartapresan, si può reperire solo all’estero: ecco come – FOTO