Bambino
(Getty Images)

Una 32enne incinta è deceduta dopo essere balzata fuori da un’auto in corsa: la donna si sarebbe lanciata, nel tentativo disperato di salvarsi la vita, per sottrarsi al suo presunto aggressore che si trovava alla guida del veicolo.

Helena Broadbent, 32enne di Melbourne, madre di due figli ed incinta del suo terzo genito avrebbe perso la vita dopo essersi lanciata da un veicolo in corsa guidato dal suo presunto aggressore. La donna, resasi conto che l’uomo al volante avrebbe voluto farle del male, avrebbe disperatamente cercato di salvarsi vedendo l’evasione dal mezzo come la sua unica chance. La 32enne, tuttavia a causa delle lesioni riportate è deceduta, dopo aver dato alla luce il suo bambino tramite parto cesareo. Vani i tentativi dei medici di salvare la vita ad entrambe: alcune delle ferite riportate dalla giovane Helena le sono state fatali.

Leggi anche —> Lasciata la figlia in macchina per bere un drink: bimba morta ricoperta di ustioni

Donna incinta si lancia da un’auto in corsa e partorisce il suo terzogenito: 32enne muore a causa delle lesioni riportate

Un tentativo disperato di salvarsi la vita quello di Helena Broadbent, 32enne di Melbourne, la quale incinta del suo terzogenito ha deciso di lanciarsi da un’auto in corsa. La donna, riporta il quotidiano Leggo, avrebbe visto nel folle gesto la sua unica chance di sottrarsi al proprio presunto aggressore al volante del veicolo. Così Helena avrebbe aperto lo sportello dell’auto e sarebbe balzata fuori dall’abitacolo. La donna raggiunta immediatamente dai soccorsi sarebbe stata trasportata in ospedale dove avrebbe partorito il suo terzogenito tramite un parto cesareo, morendo poco dopo a causa delle lesioni riportate a seguito del capitombolo.

La dinamica di quanto accaduto non è ben chiara agli inquirenti i quali stanno indagando sulla vicenda che presenta molte incongruenze. Secondo quanto riportato dal Daily Mail e dalla redazione di Leggo, l’unico testimone sarebbe un vicino di casa della donna il quale avrebbe visto un uomo, un 35enne conosciuto da Helena e dal suo compagno, lasciare l’abitazione della coppia urlando. Poco dopo si sarebbero sentite le grida della 32enne che con molta probabilità sarebbe stata costretta a salire sulla vettura.

Leggi anche —> Marco Vannini: la decisione della Procura nei confronti del maresciallo Izzo