tumore al pancreas
Il tumore al pancreas è particolarmente insidioso sia da individuare che da debellare – FOTO: © Getty Images

Come fare per individuare e per contrastare il temibile tumore al pancreas? Non è affatto semplice, ma i consigli non mancano comunque.

Il tumore al pancreas è uno dei tipi più temuti di malattia, che causa ogni giorno una media di 485 decessi solo in Italia. Questa non è la percentuale di morti più diffusa, che spetta al tumore ai polmoni (12%) e del colon-retto (7%). Con il 4%, quello al pancreas è appaiato a quello alla mammella. I casi nel nostro Paese equivalgono poi a 6mila all’anno circa. Purtroppo il tumore al pancreas risulta molto difficile da individuare in maniera precoce, cosa che potrebbe fare la differenza in positivo. Invece le stime in nostro possesso ci dicono che il 75% delle persone che scoprono di avere questo tipo di malattia muoiono poi entro i successivi 12 mesi dalla diagnosi. Mentre solo una riesce a sopravvivere per almeno 5 anni.

LEGGI ANCHE –> Nadia Toffa messaggio Iene, 20 minuti con lei: “Non conta quanto vivi”

Tumore al pancreas, le cause principali

Il pancreas è una ghiandola annessa all’apparato digerente e deputata alla produzione di glucagone ed insulina. Sostanze che servono per tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue. Inoltre qui nasce anche il succo pancreatico, che serve a regolare i processi di digestione all’interno dell’intestino tenue. Il pancreas è fondamentale per il corpo umano, in quanto è attivo anche nella regolamentazione del metabolismo e di altri processi. Come in altri casi, a concorrere con maggiore probabilità all’insorgere di tumore al pancreas incorrono fattori come obesità, fumo e diabete di tipo 2.

Una malattia davvero difficile da individuare in tempo

E purtroppo, date le difficoltà del caso, la scoperta di una neoplasia avviene spesso per caso, quando ormai la malattia si è già sviluppata e l’intervento chirurgico può risultare non sufficiente. I sintomi improvvisi che possono presentarsi e che si ritiene inizialmente connessi ad un’altra situazione, possono invece confluire in una diagnosi di tumore a questa ghiandola. C’è anche da dire che intervenire chirurgicamente risulta anche alquanto complicato per via della particolare posizione del pancreas. Esso si trova dietro allo stomaco, del tutto circondato da fegato, milza ed intestino tenue.

I sintomi e cosa poter fare per ridurre i rischi

I medici consigliano di tenere sotto osservazione sintomi quali dimagrimento improvviso, difficoltà a digerite, inappetenza e dolori cronici verso il dorso. Tutti comuni anche ad altre malattie, anche meno gravi, è bene ricordare. Questo tipo di tumore poi si diffonde con particolare rapidità, in particolar modo in direzione del fegato. Uno dei consigli che viene principalmente dato è quello di adottare stili di vita più salutari. Occorre smettere di fumare, mangiare più sano e fare un minimo di movimento ogni settimana, per almeno 3-4 volte. Questo aumenterà le possibilità di tenere alla larga ogni spiacevole sorpresa.

LEGGI ANCHE –> Farmaco ritirato Cartapresan, si può reperire solo all’estero: ecco come – FOTO