Paziente dell’ospedale trova un preservativo nel piatto della cena

0
159
meningite
Ospedale (Getty Images)

Una paziente dell’ospedale San Luca di Lucca ha ritrovato all’interno del piatto dove le erano state servite delle mele cotte un preservativo.

Disavventura per una paziente ricoverata all’Obi, osservazione breve intensiva, dell’ospedale San Luca di Lucca. La donna dopo aver ricevuto la cena dal personale incaricato si è accorta che all’interno del piatto dove le erano state servite delle mele cotte vi era un preservativo. La donna ha chiamato subito il personale infermieristico che ha riferito quanto accaduto all’Asl, la quale ha ritenuto lo spiacevole episodio come “un atto doloso” ed un “sabotaggio” dato che si tratta del secondo episodio simile nel giro di un mese.

Lucca, paziente dell’ospedale trova preservativo nella cena: intervenuti i carabinieri

Uno spiacevole episodio si è verificato all’ospedale San Luca di Lucca, dove una paziente ricoverata presso l’Obi, osservazione breve intensiva, ha fatto un’amara scoperta. La donna, come riportato dalla redazione de Il Fatto Quotidiano, ha ritrovato all’interno delle mele cotte che le erano state servite per cena un preservativo ed ha avvisato immediatamente il personale infermieristico. L’episodio è stato segnalato all’Azienda Usl Toscana nord ovest che ha fatto scattare le procedure di controllo. Per far chiarezza su quanto accaduto nella serata di venerdì 27 settembre sono intervenuti i carabinieri di Lucca che hanno avviato le indagini. Lo scorso 8 settembre un caso simile si era verificato nella stessa struttura quando ad un paziente era stata consegnata una fetta di pane con della muffa. L’azienda in una nota pubblicata sul proprio sito ha spiegato, riferendosi anche al caso precedente, che si tratterebbe di un “atto doloso di manomissione/sabotaggio” ed “una volta individuato il responsabile del gesto, l’Asl si costituirà parte civile“. L’Azienda ha riferito, inoltre, di aver “chiesto formalmente al concessionario di avviare l’iter per ‘sostanziale e completa revisione dell’affido del servizio di ristorazione’ a seguito di una grave violazione del capitolato di gestione che si è verificato ieri sera (27 settembre) con la consegna del vitto della cena“. Infine nella nota si legge che la direzione ha “provveduto ad attivare le procedure di verifica e controllo immediate per ricostruire il percorso, dalla consegna della materia prima fino alla distribuzione in reparto“. “Le verifiche – precisa l’Azienda- hanno riguardato la tracciabilità interna del centro cottura, il monitoraggio del sistema automatico di trasporto e degli accessi al reparto coinvolto“.

Leggi anche —> Terribile incidente nella notte, in auto una corteggiatrice di Uomini e Donne