Il presidente della Fia Jean Todt (Foto Gepa pictures/Red Bull)
Il presidente della Fia Jean Todt (Foto Gepa pictures/Red Bull)

F1 | Arriva un nuovo team in Formula 1? Il presidente Jean Todt frena

Nel paddock della Formula 1 continua prepotentemente a circolare l’indiscrezione su una presunta undicesima scuderia pronta a fare il proprio ingresso sullo schieramento tra due stagioni. Il nome è Panthera Team Asia F1 e sembra fare sul serio: ha già aperto una propria sede in Inghilterra, nei pressi del circuito di Silverstone, e ha già perfino nominato un proprio gruppo dirigente, il cui team principal è il francese Benjamin Durand, che ha alle spalle una lunga esperienza da boss di diverse squadre nei campionati di ruote coperte tra cui la Jmb Racing e la Smp Racing. “Il nostro obiettivo è quello di entrare in Formula 1 nel 2021”, ha dichiarato senza mezzi termini Durand.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il problema è che gli attuali responsabili del Mondiale a quattro ruote sembrano decisamente meno convinti di concedere la loro partecipazione. Ross Brawn, boss sportivo per conto degli organizzatori, il gruppo americano Liberty Media, ha affermato di volersi rendere conto dell’evoluzione dei nuovi regolamenti della F1, prima di pensare all’ammissione di una nuova squadra. E altrettanta cautela l’ha predicata il presidente della Federazione internazionale dell’automobile, Jean Todt: “Starò attento”, ha dichiarato ai microfoni dell’emittente finlandese Mtv. “Non ascolto le voci, mi piacciono i fatti concreti. E al momento non ho sentito nulla se non su un sito web. Non ho ricevuto alcun forte contatto da parte di nessun team”.

Questo non significa che la Fia non sia pronta, in assoluto, ad accogliere nuove squadre, un po’ come fece per l’ultima volta nel 2016 con la Haas. “Per ora abbiamo dieci squadre forti e questo dà valore a ciascuna di loro”, prosegue il manager francese. “Ad oggi non abbiamo ricevuto richieste da squadre al livello della Haas. Potrebbero presentarsi opportunità, un po’ come è accaduto quando la Racing Point ha comprato la Force India, ma siamo soddisfatti dell’attuale situazione con dieci squadre. Il tempo ci dirà se in futuro ci saranno dei cambiamenti”, ha concluso Todt.