cancro sintomi sangue
Cancro sintomi, un metodo con il test del sangue per individuare la malattia – FOTO: tuttomotoriweb

Innovazione cancro sintomi: alcuni scienziati, tra i quali molti italiani, scoprono un metodo attraverso analisi del sangue per rilevare la malattia precocemente.

Un risultato importante arriva in merito al cancro ed ai sintomi connessi a questa malattia. Grazie ad un test genetico sul sangue è possibile individuare quelli che possono essere i primissimi segni di tale male. Secondo gli studiosi del Bioscience Genomics – che lavora a stretto contratto con l’università degli Studi di Tor Vergata a Roma – quanto osservato potrebbe rendere realizzabile la individuazione di una potenziale neoplasia anche in soggetti asintomatici e sani. A questo studio hanno partecipato anche esponenti dell’Istituto di Patologia presso l’Ospedale Universitario di Basilea, dell’Università di Trieste, dell’Istituto di Bioscenze di San Marino e di altri centri di ricerca italiani e internazionali. A coordinare queste squadre è stato il professor Giuseppe Novelli, docente presso il Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione e rettore dell’Università Tor Vergata.

LEGGI ANCHE –> Nadia Toffa Giulio Golia: “Non ci voleva con sé, odiava vederci soffrire”

Cancro sintomi, questo metodo scopre la malattia prima che sorga

Si procede con una analisi del sangue su cui lavora un algoritmo appositamente realizzato da Bioscience Genomics. Sfruttando il sequenziamento del DNA libero circolante (cfDNA) che si ottiene da un campione di sangue, è possibile individuare le alterazioni genetiche che sono alla base dello sviluppo del cancro e dei suoi sintomi primari. È stata messa alla prova anche l’efficacia di questo test, con l’analisi di campioni di Dna prelevati da 114 soggetti campione. Tutti questi sono stati confrontati con degli altri campioni presi da persone affette da cancro, studiandoli per un periodo da uno a dieci anni. I risultati sono stati sorprendentemente precisi. Chiaramente occorrerà perfezionare questa tecnica, e ci vorrà del tempo per poterla adottare su vasta scala.

LEGGI ANCHE –> Emma Marrone, il medico parla del suo tumore: “Così può farcela”