Tesla Autopilot, come il pilota automatico ti salva la vita – VIDEO

(websource)

Non passa giorno senza che la stampa sputi sentenze negative sul sistema di guida semi-autonomo di Tesla Autopilot.

Questo è dovuto ad alcuni problemi sporadici (e attesi) che potrebbero continuare a sorgere man mano che la tecnologia matura. Tuttavia, ci azzardiamo a scommettere che il numero di vite umane che tali sistemi di sicurezza salvano è esponenziale rispetto ai pochi orribili morti e/o incidenti/lesioni.

È giunto il momento che le case automobilistiche procedano in modo più aggressivo con questo tipo di tecnologia. L’unico modo per ottenere davvero il lavoro fatto bene è quello di innovare, a prescindere dalle asperità previste lungo la strada. Se si rivoluziona, ci saranno molte preoccupazioni/questioni. Se non ci sono problemi, non si spinge abbastanza forte.

Il mondo è pieno di automobilisti terribili, persone che fanno solo scelte stupide, automobilisti troppo vecchi per vedere, sentire o reagire abbastanza bene per essere sulla strada. Aggiungiamo anche automobilisti ubriachi, automobilisti addormentati, giovani automobilisti…. avete capito insomma.

Secondo l’Istituto Assicurativo per la Sicurezza Autostradale (IIHS), la tecnologia Tesla per evitare gli incidenti frontali guadagna il massimo punteggio di Superior.

Proprio l’altro giorno, abbiamo riferito che il Congresso tedesco di carIT ha premiato Tesla davanti a tutti gli altri per la sua tecnologia Navigate on Autopilot. Infatti, la tecnologia ha ricevuto il prestigioso premio Connected Car Innovation (CCI).

Mentre la maggior parte dei media mainstream si rifiuta di trattare la maggior parte dei progressi di Tesla, dato che sono troppo impegnati a trascinare l’azienda verso la gogna, questo YouTuber ha messo insieme un bel video “Tesla Car Crash Avoidance Super Cut“. In sostanza, si tratta di una raccolta di “salvataggi” attraverso la tecnologia del veicolo.

Anche se si tratta di un piccolo campione di un proprietario amatoriale di Tesla, possiamo solo supporre che il numero di eventi come questo è potenzialmente sconcertante.