Partita di olive verdi ritirata dal mercato: vi sveliamo tutto

0
1219
Prodotto ritirato supermercato
(foto dal web)

La Coop ed il Ministero della Salute hanno reso noto il ritiro dal mercato di un lotto di olive farcite in olio di girasole per la presenza di solfiti non dichiarati sull’etichetta del prodotto.

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito un avviso in merito al richiamo di un prodotto alimentare dagli scaffali dei supermercati. Si tratta di un lotto di olive farcite in olio di girasole Coop ritirate per la possibile presenza di solfiti non dichiarati sull’etichetta del prodotto. Parallelamente all’avviso del Ministero, anche la Coop ha pubblicato una nota riguardante il ritiro esortando i clienti che avessero già acquistato il prodotto a non consumarlo e a riportarlo presso il punto vendita che provvederà al rimborso.

Leggi anche —> Ritirati dal Ministero della Salute un lotto di cozze ed uno di tonno

Ritiro dal mercato di olive farcite, la Coop: possibile presenza di solfiti non dichiarati sull’etichetta

Un lotto di lotto di olive farcite in olio di girasole è stato ritirato dal mercato per rischio presenza di allergeni al suo interno. A comunicarlo è il Ministero della Salute con una nota inserita nella sezione “Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori” spiegando che all’interno dell’alimento potrebbero esserci solfiti non presenti nell’etichetta. Nello specifico il richiamo ha ad oggetto Olive Farcite in Olio di girasole Coop vendute in confezioni da 280g (180g peso snocciolato) contraddistinte dal numero di lotto LJ 197 e con data di scadenza fissata al luglio 2021. Le olive sono distribuite dal marchio Coop e prodotte da Inpa Spa nello stabilimento di via Ciambellana 2 a Vinci, comune in provincia di Firenze. A segnalarlo è stata anche la stessa Coop sul proprio sito spiegando che il richiamo effettuato in via precauzionale “interessa vari punti vendita della rete Coop ad eccezione delle regioni Liguria, Piemonte e gran parte della Lombardia“. Inoltre la Coop ha invitato i clienti che avessero già acquistato il prodotto a non consumarlo e riportarlo presso i punti vendita dove verrà rimborsato segnalando il Numero Verde 800805580 che può essere contattato per ulteriori informazioni.

Leggi anche —> La triste storia di Giovanni: vive in un furgone e senza reddito di cittadinanza