Ragazza morta, il fidanzato al telefonino sente i suoi ultimi secondi di vita

0
3587
ragazza morta incidente telefonino
Incidente mentre è al telefonino: ragazza morta a 28 anni – FOTO: tuttomotoriweb

Una ragazza morta mentre è al telefonino con il fidanzato: lei stava guidando quando ha avuto un incidente. Lui ha ascoltato in diretta la sua fine.

Si indaga sull’incidente avvenuto questa notte e che ha visto una ragazza morta in seguito all’uscita di strada della sua vettura. La giovane si chiamava Claudia Oliva, aveva 28 anni e stava viaggiando da sola. Il dramma è avvenuto lungo un tratto del Grande Raccordo Anulare, a Roma. Le forze dell’ordine indagano in particolare su di un aspetto che potrebbe avere fatto da causa scatenante di questo incidente. La ragazza morta infatti si trovava al telefono con il suo fidanzato. È stato proprio lui ad avvertire i soccorsi, riferendo di avere sentito il fracasso dell’auto che si schiantava al suolo e si accartocciava. Il veicolo con a bordo la vittima è uscito di strada alle 03:00 del mattino, mentre i due si trovavano al cellulare e conversavano a distanza. Il ragazzo ha confermato di avere udito in maniera distinta le lamiere dell’auto che si accartocciavano. La macchina è finita poi all’interno di un fosso circondato da una vegetazione alquanto fitta.

LEGGI ANCHE –> Katia Pedrotti oggi, cosa fa l’ex concorrente del Grande Fratello

Ragazza morta, forse l’incidente causato dall’uso scorretto del telefonino

Questa cosa ha reso particolarmente difficili le operazioni di recupero del corpo della 28enne. All’arrivo dei soccorritori, la giovane risultava essere già priva di vita. La polizia ha svolto i rilievi del caso. Si intende ora capire se la povera Claudia stesse parlando usufruendo di auricolari o della connessione bluetooth. Oppure se abbia agito in maniera incauta, con una mano impegnata a sorreggere il telefonino all’orecchio. Gli agenti hanno individuato la zona dell’incidente analizzando le celle telefoniche. Per quanto riguarda la guida con il telefonino, essa rappresenta proprio la principale causa di morte sulla strada. E le pene contemplate dal codice della strada sono state inasprite per chi viene sorpreso con il cellulare mentre si trova al volante.

LEGGI ANCHE –> Nadia Toffa, l’appello della mamma: “Ho scoperto delle cose su di lei, aiutateci”