Terremoto
(foto dal web)

Dopo le numerose scosse, tra cui quella di sabato di magnitudo 5.8, registratesi in Albania, ieri alcuni siti avevano annunciato un nuovo possibile terremoto gettando nel panico la popolazione.

Un violento sciame sismico si è abbattuto sull’Albania dove la terra ha continuato a tremare anche ieri sera. Secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione dell’agenzia stampa Ansa, nella serata di ieri, domenica 22 settembre, è stata registrata un’altra scossa di terremoto di magnitudo 4, dopo quelle di sabato che hanno provocato oltre 100 feriti e diversi crolli, con epicentro nei pressi di Durazzo, a 20 chilometri a nord-ovest di Tirana. Oggi le scuole, in via precauzionale, rimarranno chiuse in alcune città del paese, compresa la capitale dove ieri la diffusione di alcune notizie in merito ad un altro imminente terremoto hanno gettato nel panico i cittadini.

Terremoto in Albania: siti annunciano nuova scossa e gettano nel panico la popolazione

Sono oltre 300 le scosse di assestamento registrate in Albania dopo quella violenta di sabato pomeriggio, la più forte degli ultimi 30 anni, che ha provocato 108 feriti e diversi crolli. L’ultima in ordine cronologico si è registrata nella serata di ieri, domenica 22 settembre, nei pressi di Durazzo, a 20 chilometri a nord-ovest di Tirana con un magnitudo 4. Come riportato dai media locali e dall’Ansa, a scopo precauzionale, il Governo ha disposto la chiusura delle scuole per la giornata di oggi nelle città di Tirana, Durazzo ed Elbasan. Intanto si contano i danni dopo il terremoto di sabato, di magnitudo 5.8 registratosi vicino a Capo Rodoni, a 60 chilometri a nord ovest di Tirana e sentita chiaramente anche in Puglia. In tutto, secondo le stime del Governo, sono 900 le abitazioni ed i palazzi danneggiati e 108 i feriti, di cui uno in gravi condizioni. Su alcuni siti, riporta l’Ansa, dopo lo sciame sismico è apparsa la notizia di una possibile nuova scossa di terremoto che ha gettato nel panico i cittadini di Tirana riversatisi sulle strade e mandando in tilt il traffico della capitale. In merito si è espresso il governo albanese che ha invitato i cittadini a non divenire “vittime di annunci tesi a provocare il panico” definendo questi ultimi come veri e propri “atti criminali“. Inoltre i rappresentanti del Governo hanno aggiunto che chi abbia diffuso simili notizie false sarà denunciato e dovrà assumersi le proprie responsabilità.

Leggi anche —> Paura in volo: i passeggeri mandano messaggi d’addio ai propri cari