Emmy Awards 2019, l’addio col botto di Game of Thrones – VIDEO

0
45

Domenica 22 settembre si è tenuta a Los Angeles, Stati Uniti, la 71esima edizione degli Emmy Awards, dove a trionfare tra le serie tv, per l’ultima volta, è stata Game of Thrones.

Una notte di spettacolo e grande commozione quella dei 71esimi Emmy Awards tenutisi ieri, domenica 22 settembre, a Los Angeles: a trionfare tra le serie tv, per l’ultima volta, Game of Thrones. Le magiche avventure della serie prodotta da HBO sono riuscite ad accumulare ben 32 nomination ed a portare a casa due statuette: la prima quella di “Migliore attore non protagonista Drama” consegnata a Peter Dinklage e la seconda come “Miglior serie drammatica“. Riconoscimenti, questi che la serie era già riuscita a conquistare negli anni passati. Un congedo con onore dal palcoscenico quello del mondo di Westeros che sino ad oggi detiene il record di produzione più premiata di sempre: sono ben 57 i riconoscimenti ricevuti dagli Emmy Awards. Nei recenti Creative Arts è riuscita, infatti, ad aggiudicarsi ben dieci riconoscimenti. Peter Dinklage, nella serie Lord Tyrion Lannister, riporta Vanity Fair, ha commentato il riconoscimento ricevuto dicendo: “Sono stati dieci anni di sudate ma anche di lavoro con persone speciali e di talento. Siamo passati dal fuoco al ghiaccio e lo rifarei“.

Emmy Awards 2019, da Game of Thrones a Chernobyl: tutti i riconoscimenti

I riconoscimenti consegnati durante la 71esima edizione degli Emmy Awards hanno raccolto il gradimento dei telespettatori. La serie tv Game of Thrones, pretendente ai titoli per l’ultima volta, ha conquistato solo due statuette: quella di “Migliore attore non protagonista Drama” consegnata a Peter Dinklage e quella, la più ambita, come “Miglior serie drammatica“. Ad emergere vittoriosa Fleabag, la quale ha vinto il premio come “Miglior serie comica” e “Migliore attrice” andato a Phoebe Waller-Bridge (per un totale di 6 premi). Per quanto riguarda le miniserie Chernobyl è riuscita a sbancare portando a casa ben 10 statuette fra cui, appunto, quella di “Miglior miniserie“.

Di seguito la lista dei vincitori nelle categorie principali:

Miglior serie drammatica

Game of Thrones

Miglior attore protagonista in una serie drammatica

Billy Porter, Pose

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica

Jodie Comer, Killing Eve

Migliore attore non protagonista in una serie drammatica

Peter Dinklage, Game of Thrones

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica

Julia Garner, Ozark

Miglior miniserie

Chernobyl

Miglior attore protagonista in una miniserie o film tv

Michelle Williams, Fosse/Verdon

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film tv

Patricia Arquette, The Act

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film tv

Ben Whishaw, A Very English Scandal

Miglior serie comedy

Fleabag

Miglior attrice protagonista in una serie comedy

Phoebe Waller-Bridge, Fleabag

Miglior attore protagonista in una serie comedy

Bill Hader, Barry

Miglior film tv

Black Mirror: Bandersnatch

Leggi anche —> Pagina di Facebook insulta Sinisa Mihajlovic: l’ira del web contro i gestori