Michele Pirro sul gradino più alto del podio del campionato italiano Superbike al Mugello (Foto Barni Racing Team)
Michele Pirro sul gradino più alto del podio del campionato italiano Superbike al Mugello (Foto Barni Racing Team)

Campionato italiano velocità | Ducati campione d’Italia: la nuova Panigale V4R trionfa con Pirro

L’illusione del debutto vincente nel Mondiale Superbike è sfumata: dopo undici vittorie nelle prime dodici manche, alla fine il sogno iridato si è infranto per via della rimonta del solito Jonathan Rea e della Kawasaki. Ma la neonata Ducati Panigale V4R, la prima quattro cilindri da corsa nella storia della Rossa di Borgo Panigale, è comunque riuscita a centrare un titolo nella sua stagione di esordio: quello del campionato italiano.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

I prevedibili problemi di gioventù per una moto che ha letteralmente rivoluzionato la filosofia della Casa bolognese non si sono verificati, anzi: la Panigale ha portato a casa la bellezza di tre pole position e sette vittorie su dieci gare, lasciando alla diretta concorrenza praticamente solo le briciole. Merito anche della guida del solito Michele Pirro, collaudatore e wild card anche del team Ducati in MotoGP, che da test rider ha seguito tutto lo sviluppo di questo modello, tanto da conoscerlo così bene da portarlo subito al trionfo.

Settimo campionato italiano Superbike per Pirro

Con la vittoria in gara-1 e il secondo posto nella seconda manche del weekend del Mugello, il pilota di San Giovanni Rotondo ha infatti chiuso matematicamente i giochi nel campionato italiano Superbike, conquistando il suo settimo tricolore in carriera. “Ripetersi è molto più difficile che vincere, noi lo facciamo da quattro anni!”, esulta Pirro. “Oggi ho preferito gestire la gara e non prendere troppi rischi perché la pista era in condizioni davvero difficili, quello che conta è aver vinto il campionato. Lo abbiamo fatto con una moto nuova per tutti e il merito va diviso con il team che ha fatto un grande lavoro tutta la stagione. Ringrazio loro e tutti quelli che mi sostengono: dal gruppo sportivo delle Fiamme Oro, ai fisioterapisti, ai tifosi che oggi erano venuti numerosi per festeggiare con me”.

Per la sua squadra, il Barni Racing Team, arriva invece l’undicesimo scudetto e la vittoria sicura anche nella classifica a squadre. Comprensibilmente soddisfatto il team principal Marco Barnabò: “Abbiamo portato alla vittoria una moto al debutto! Questo ci riempie di orgoglio perché era tutt’altro che scontato. La differenza l’abbiamo fatta durante l’inverno, prima che la moto scendesse in pista, con un grande lavoro fatto in officina che ci è servito per arrivare pronti al primo test e poi per essere competitivi da subito in gara. Devo ringraziare tutti i ragazzi che hanno lavorato con me e ovviamente Michele. Con lui è nato un rapporto particolare che ci porta a far sembrare facile anche ciò che non lo è”.