Ducati-Marquez, pronta l’offerta record. E c’è pure un altro pilota nel mirino

0
36583
Marc Marquez con la tuta Ducati (Fotomontaggio TuttoMotoriWeb.com)
Marc Marquez con la tuta Ducati (Fotomontaggio TuttoMotoriWeb.com)

MotoGP | Ducati-Marquez, pronta l’offerta record. E c’è pure un altro pilota nel mirino

Se qualcuno avesse ancora avuto dei dubbi, il Gran Premio di Aragona li ha definitivamente sciolti: per battere Marc Marquez ci vuole Marc Marquez. E se c’è una squadra, su tutte, che questa dura legge l’ha appresa dolorosamente, a sue spese, è stata proprio la Ducati: ormai da tre stagioni la migliore degli altri, ma ancora mai all’altezza di giocarsi il Motomondiale ad armi pari con il Cabroncito.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Non è bastato l’arrivo di Jorge Lorenzo a suon di milioni, non è bastata la rinascita sportiva di Andrea Dovizioso, non sono bastati nemmeno gli investimenti nello sviluppo tecnico e il genio ingegneristico di Gigi Dall’Igna. Nonostante tutti gli sforzi di Borgo Panigale, là davanti rimane indisturbato il fuoriclasse di Cervera. Intoccabile, imbattibile, con un altro titolo iridato ormai già in tasca: il numero otto.

Marquez è l’unico che sa vincere

Più che vittorie della Honda, sono vittorie del pilota: Marc Marquez, l’uomo che ha reinventato il modo di andare in moto e che si sta preparando a riscrivere la storia delle due ruote. La Ducati, dal canto suo, non ha accettato la sconfitta, non si è rassegnata a ricoprire lo scomodo ruolo di eterna seconda. Ma forse ha capito che per ritrovare la via del Mondiale che le manca ormai dai tempi di Casey Stoner c’è una sola strada: quella di ingaggiare lo stesso Marquez.

Spezzare quest’accoppiata imbattibile e portarsi a casa il campione più forte dell’epoca contemporanea sembra essere l’unica alternativa per la Rossa. Il catalano, dal canto suo, nonostante l’affetto e la lunga fedeltà che lo legano alla Honda, sembra anche lui tentato dalla prospettiva di imporsi anche con un’altra moto: un po’ come hanno fatto tutti gli altri grandi fenomeni della storia prima di lui, da Giacomo Agostini al suo eterno rivale Valentino Rossi.

Per la Ducati è il secondo tentativo

Certo è che questa trattativa non si preannuncia semplice. Non lo fu già tre anni fa, quando per la prima volta la Ducati bussò alla porta di Marc Marquez. “Alla fine del 2015, inizio 2016, Ducati ha valutato diverse possibilità”, ha rivelato il direttore sportivo Paolo Ciabatti in una recente intervista al Corriere dello Sport. “È stato fatto un pensiero anche su di lui, ma non c’erano le condizioni”.

Ora, però, queste condizioni sembrano cambiate, così come sembra aumentata la disponibilità della Casa bolognese ad aprire i cordoni della borsa per offrire un maxi-stipendio al Cannibale della MotoGP. Di quanti soldi stiamo parlando? “Sinceramente ho una mia idea, ma è un parere soggettivo”, prosegue Ciabatti. “Sicuramente superiore ai 10 milioni di euro, ma la verità la conoscono solo Honda e Marc”. Altre indiscrezioni di paddock parlano addirittura della cifra record di quindici milioni di euro. Per convincere Marquez a sedersi al tavolo dei negoziati servirà un’esca più che ghiotta.

Alternativa Vinales, Dovizioso in Ktm?

Questo è il piano A della Ducati. Ma se anche l’ennesimo assalto al pluri-iridato non dovesse andare a buon fine, c’è comunque già pronto il nome di un candidato alternativo a cui rivolgersi. E sarebbe quello di Maverick Vinales, destinato ad abbandonare il team ufficiale della Yamaha per favorire la promozione di Fabio Quartararo, il talentino emergente che la Casa dei Diapason non ha alcuna intenzione di lasciarsi sfuggire in ottica futura. E Andrea Dovizioso? Alla fine dell’ultimo anno di contratto che gli rimane con la Rossa, potrebbe anche appendere il casco al chiodo, oppure accettare a sua volta le offerte di un altro team, magari della Ktm.