Finalmente Aprilia: ad Aragon, Espargarò e Iannone lottano con i migliori

0
170
Aleix Espargaro sulla Aprilia davanti a Valentino Rossi e Andrea Dovizioso nel Gran Premio di Aragona 2019 di MotoGP (Foto Aprilia)
Aleix Espargaro sulla Aprilia davanti a Valentino Rossi e Andrea Dovizioso nel Gran Premio di Aragona 2019 di MotoGP (Foto Aprilia)

MotoGP | Finalmente Aprilia: ad Aragon, Espargarò e Iannone lottano con i migliori

È la Aprilia la vera sorpresa, stavolta in positivo, del Gran Premio di Aragona. Finalmente la Casa di Noale ha messo in mostra una prestazione da vera grande, bissando la seconda fila della griglia di partenza conquistata ieri in qualifica da Aleix Espargarò con un settimo posto centrato oggi in gara. Il pilota di casa ha lottato a lungo nel gruppetto degli inseguitori, arrivando addirittura a giocarsi fino al traguardo la posizione con la Honda di Cal Crutchlow.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Alla fine Espargarò è stato costretto a cedere, ma la settima piazza rappresenta comunque il miglior risultato dell’anno per lui, oltre al minor distacco dalle posizioni di vertice: appena cinque secondi e mezzo dal secondo classificato Andrea Dovizioso (non consideriamo neanche Marc Marquez che si è involato in testa fin dalla partenza). “Quello di oggi è un bel risultato”, conferma Aleix. “Io e la squadra abbiamo sempre dato il 100% e ce lo meritiamo. All’inizio con il serbatoio pieno non avevo il migliore feeling all’anteriore ma le cose sono andate migliorando dopo qualche giro. Mi sono divertito, lottare nel gruppo di testa è sempre bello, anche se le caratteristiche della pista ci hanno indubbiamente aiutato”.

Iannone ancora dolorante

Positivo anche l’undicesimo posto di Andrea Iannone, che manca la top ten per appena mezzo secondo, al termine però di una bella battaglia in cui ha stretto i denti per il persistente dolore alla spalla sinistra infortunata a Misano. “In questo weekend ho dovuto stringere i denti e anche in gara il dolore alla spalla mi ha costretto a gestire le energie, specialmente quando l’aderenza ha iniziato a diminuire”, spiega il Maniaco. “Sono contento per il risultato di squadra ma noi dobbiamo continuare a lavorare duramente, prima di tutto per ridurre il distacco in accelerazione e velocità massima rispetto ad Aleix. Questa gara non ci deve trarre in inganno, questa è una pista che si adatta bene all’Aprilia e la strada è ancora lunga”.

Ora finalmente il pilota di Vasto avrà una settimana di pausa prima di volare in Thailandia, nel corso della quale spera di recuperare le perfette condizioni fisiche. Restano le ottime sensazioni per i passi avanti compiuti dalla moto veneta sotto il profilo tecnico: questo fine settimana rafforza infatti la convinzione della Aprilia nella sua crescita in corso e nell’avvicinamento alle altre Case con cui ambisce a lottare in MotoGP.