MotoGP, Rossi: “Yamaha migliorata ad Aragon rispetto al 2018”

0
292
Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Una prima giornata di prove libere MotoGP complessivamente positiva per Valentino Rossi ad Aragon. La FP1 del mattino non era stata granché buona, ma nel pomeriggio in FP2 ci sono stati progressi importanti. Il Dottore nella classifica combinata è terzo.

Oggi era fondamentale riuscire a stare in top 10, perché per domani viene data pioggia e dunque in FP3 sarà praticamente impossibile riuscire a migliorare i tempi. Il nove volte campione del mondo è riuscito a farcela, dunque dovrà evitare la spesso temibile Q1 delle Qualifiche. Da segnalare che la Yamaha si è confermata forte, visto che dietro a Marc Marquez ci sono Maverick Vinales, il pesarese e Fabio Quartararo.

MotoGP Aragon: Valentino Rossi commenta le prove libere

Rossi dopo le prove libere MotoGP ad Aragon ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue considerazioni: «Sono soddisfatto, stamane siamo partiti male perché avevamo una gomma che non funzionava e dunque ho dovuto mettere l’altra presto. Ero veramente molto indietro. Avevo anche problemi, soprattutto di elettronica, alla moto e facevo fatica sia in entrata di curva che in accelerazione. Nel pomeriggio abbiamo lavorato bene, il team è stato bravo e sono stato piuttosto veloce in FP2. Con gomme da gara il mio passo non era male, anche se c’è qualcuno che è più veloce. Comunque siamo lì».

Valentino è sorridente, vede progressi rispetto all’anno scorso anche se sa di doverne fare di ulteriori: «Viste le previsioni del tempo, abbiamo cercato di spingere forte per essere nei primi dieci. Mi è venuto un bel giro, mi sono divertito ed è stato bello. Sono già andato più veloce che nel 2018, anche se la pista è peggiorata».

Rossi vede una Yamaha che migliora e auspica di potersi giocare almeno il podio in gara, seppur sia difficile oggi dire che valori vedremo domenica: «Non sono messo male, dobbiamo lavorare in certi punti nei quali perdo. Però ci sono settori della pista dove sono sempre molto veloce. In accelerazione la moto si comporta meglio, riesce a mettere maggiormente a terra i cavalli. Il degrado delle gomme qui è sempre un problema, ma siamo messi meglio».