“Mercedes favorita”, ma la Ferrari ha un piano per ribaltare la situazione

0
1380
La Ferrari di Sebastian Vettel in pista nelle prove libere del Gran Premio di Singapore 2019 di F1 (Foto Ferrari)
La Ferrari di Sebastian Vettel in pista nelle prove libere del Gran Premio di Singapore 2019 di F1 (Foto Ferrari)

F1 | “Mercedes favorita”, ma la Ferrari ha un piano per ribaltare la situazione

Lasciate alle spalle le due piste superveloci di Spa e Monza, che hanno esaltato la potenza del motore Ferrari, sul circuito cittadino di Singapore la favorita torna ad essere la Mercedes. Lo ha dimostrato già la prima giornata di prove libere, conclusa da Lewis Hamilton al comando, mentre la prima delle Rosse, quella di Sebastian Vettel, non è andata oltre la terza posizione a più di otto decimi di distacco. “I nostri rivali sembrano molto veloci, più veloci di noi”, ammette con franchezza il quattro volte iridato.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Un ritardo forse eccessivo, tenuto conto del traffico che ha rallentato il tedesco nella sua simulazione di qualifica, ma comunque da imputare alla mancanza di aderenza cronica della SF90 nei tratti lenti e guidati, a cui la Scuderia cercherà di mettere una pezza con l’assetto in vista delle qualifiche. “Credo che domani avremo una fotografia molto più attendibile dei valori in campo e che ci sia il margine per migliorare ancora”, prosegue Vettel. “La monoposto non fa ancora esattamente quello che vorrei e in termini di bilanciamento abbiamo capito dove possiamo trovare della performance. Tutte le parti nuove introdotte sembrano funzionare bene, quindi vediamo dove ci possiamo piazzare domani”.

Leclerc, non c’è solo la rottura del cambio

Ancora più difficile il venerdì di Charles Leclerc, bloccato nella prima sessione da un guasto al cambio. Dopo aver sostituito la componente, anche nel secondo turno il suo risultato non è stato eccellente: appena sesto, a 1.2 secondi da Hamilton e con una sensazione persistente di scarsa fiducia nella macchina. “La giornata di oggi è stata piuttosto complicata per quanto mi riguarda”, spiega il giovane talento monegasco. “Abbiamo avuto un problema nella prima sessione di prove libere e questo ci ha impedito di percorrere tutti i giri programmati: un vero peccato visto che sarebbe stato utile fare esperienza su questa pista. Nella seconda sessione abbiamo lavorato ma non mi sento ancora completamente a mio agio su questo tracciato con la vettura, soprattutto dal punto di vista del bilanciamento. C’è di sicuro della prestazione ulteriore da tirare fuori dalla mia monoposto. Prima della terza sessione di libere analizzeremo tutti i dati raccolti e per fare un buon passo avanti in vista della qualifica. Ci aspettavamo comunque, venendo a gareggiare qui a Singapore, che i nostri rivali sarebbero stati forti e che non sarebbe stato un weekend facile per noi. Nulla è deciso comunque, daremo il massimo per avere un sabato di buon livello”.