Povero Alonso: “Mi sono ribaltato, poi ho colpito un uccello” (VIDEO)

0
722
Fernando Alonso al volante del Toyota Hilux durante il Lichtenburg 400 in Sudafrica (Foto Toyota)
Fernando Alonso al volante del Toyota Hilux durante il Lichtenburg 400 in Sudafrica (Foto Toyota)

Automobilismo | Povero Alonso: “Mi sono ribaltato, poi ho colpito un uccello” (VIDEO)

Se il buongiorno si vede dal mattino, Fernando Alonso non può esattamente sentirsi serenissimo per la sua neonata carriera nei rally raid. La sua prima gara in assoluto su sterrato, infatti, il Lichtenburg 400, quinta tappa del campionato sudafricano di cross country, si è trasformata in quello che lui stesso ha definito un “incubo”.

Colpa di una serie di inconvenienti davvero sfortunati, che hanno compromesso la sua prestazione al volante della Toyota Hilux. “Ogni volta che salgo in macchina imparo qualcosa e mi trovo più a mio agio”, ha raccontato il due volte campione del mondo di Formula 1. “Purtroppo questa giornata è stata da incubo per noi. Stamattina ci siamo ribaltati e abbiamo rotto il parabrezza: non riuscivamo più a vedere bene e così abbiamo dovuto rimuoverlo. Abbiamo dovuto guidare solo con gli occhiali, con tutta la polvere sollevata dagli altri piloti. Nel secondo giro ci hanno permesso di partire davanti a tutti, per avere strada libera, ma al terzo chilometro di 190 abbiamo colpito un uccello che ci ha rotto di nuovo il parabrezza. Ho dovuto fare duecento chilometri con una mano sul vetro e una sul volante. Non è stata la giornata migliore per noi, ma il lato positivo è stato correre ancora con questa macchina e fare esperienza in vista di gare più importanti”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Insomma, lo spagnolo ha iniziato decisamente con il piede sbagliato, conquistando appena un sedicesimo posto. Ma il potenziale c’è, come dimostra la terza piazza conquistata nella gara di qualificazione. Il lato positivo sta infatti nel suo crescente feeling con la macchina, la squadra e anche il suo copilota, l’esperto Marc Coma. “Il team si è comportato bene, in modo molto professionale, molto organizzato, decisamente un lato positivo di questo weekend. La Toyota alla fine ha conquistato anche un buon risultato con Henk e De Villiers (i suoi compagni di squadra, giunti rispettivamente secondo e primo, ndr), quindi bene così”, conclude Nando.

La sua preparazione in vista della prossima edizione della Dakar, infatti, prosegue, e la prossima sfida sarà il Rally del Marocco, a cui Alonso parteciperà dal 3 al 9 ottobre nei pressi della città di Fes. Sperando che la buona sorte, stavolta, gli dia una mano.