Polizia
Polizia (foto dal web)

Un uomo di 42 anni è stato salvato dalla polizia di Milano dopo aver minacciato il suicidio sul proprio profilo Facebook in seguito alla fine della relazione con la sua compagna.

La Polizia di Milano ha sventato un suicidio di un 42enne che aveva annunciato di volersi togliere la vita sul proprio profilo Facebook. A lanciare l’allarme era stato l’ex suocero dell’uomo che ha contattato la polizia, la quale immediatamente recatasi sul posto ha tranquillizzato l’uomo ritrovato in preda ad attacchi di pianto e a tremore. Il 42enne, originario di Messina trasferitosi a Milano lo scorso maggio, aveva deciso di farla finita dopo la fine della relazione con la sua compagna, una donna lombarda di 38 anni.

Minaccia il suicidio su Facebook dopo la fine di una storia d’amore: la polizia lo salva

Un post su Facebook per annunciare il suicidio dopo la fine di una relazione d’amore. Questo è quanto avrebbe fatto sabato scorso un uomo di 42 anni originario di Messina, ma trasferitosi a Milano lo scorso maggio per raggiungere la sua compagna, una 38enne lombarda. I due, come riporta la stampa locale e la redazione di Fanpage, si erano lasciati il giorno prima ed il 42enne ha scritto alcuni post sul proprio profilo Facebook per annunciare il suicidio: “Oggi sarà l’ultimo giorno della mia vita, addio a tutti” e successivamente: “Nella mia vita ho fatto tante m*******e ma oggi farò l’ultima, ciao a tutti un bacio grazie di avermi voluto bene” ed infine: “Ho perso il mio amore non c’è più bisogno di stare in questa vita. Grazie a tutti coloro che mi sono stati vicini, un bacio. Ti amerò pure da là, ti amo amore mio“. A lanciare l’allarme sarebbe stato il suocero che lo aveva visto sotto casa, in zona Inganni, con il volume alto dello stereo nel tentativo di farsi sentire dalla ex compagna e riuscire a parlarci. Sul posto sono arrivati gli agenti dell’Ufficio prevenzione generale della questura e del commissariato Lorenteggio che, come riporta Fanpage, hanno tranquillizzato l’uomo, ritrovato in preda ad attacchi di pianto e a tremore, convincendolo a desistere. Lo stesso 42enne ha voluto ringraziare la polizia ed il 118 proprio su Facebook scrivendo: “Grazie alla polizia ho ritrovato la voglia di vivere. Grazie anche al 118“.

Leggi anche —> Muore in ospedale per un’omonimia: trasfuso sangue non compatibile