Lukas Tulovic
Lukas Tulovic, pilota del team Kiefer Racing in Moto2 (Getty Images)

Il team Kiefer Racing non prenderà parte al campionato mondiale Moto2 nel 2020 e sta cercando una soluzione per il proprio futuro. Sul tavolo c’è la possibilità di approdare in Superbike oppure in Supersport.

La struttura tedesca da tanti anni è nel Motomondiale e vanta anche due titoli: nel 2011 ha vinto quello di Moto2 con Stefan Bradl e nel 2015 ha conquistato quello Moto3 con Danny Kent. Attualmente la squadra è impegnata solo nella categoria intermedia e schiera Lukas Tulovic come pilota.

Moto2, futuro in Superbike per il team Kiefer Racing?

Secondo quanto rivelato dai colleghi di Speedweek, nel 2020 il team Kiefer Racing potrebbe partecipare al campionato mondiale Superbike. Non c’è ancora nulla di certo, perché vanno prima trovati i finanziamenti. Però si sta studiando tale possibilità. L’alternativa, meno dispendiosa, sarebbe il campionato mondiale Supersport.

Peter Bales, manager di Tulovic, supporta la squadra tedesca negli aspetti commerciali e nella ricerca di sponsor. Nell’intervista concessa a Speedweek ha spiegato la situazione: «Il campionato mondiale Superbike è una priorità rispetto alla Supersport. Ci sono piloti tedeschi come Folger, Reiterberger e Cortese che hanno potenziale e sono ancora senza sistemazione. Sto parlando con Dorna e i segnali sono positivi».

Bales va avanti spiegando l’importanza di trovare le risorse economiche per investire sulla partecipazione al campionato mondiale Superbike: «Abbiamo bisogno di 3,5 milioni di euro per una stagione. Se un produttore decidesse di utilizzarci come team semi-ufficiale, fornendoci materiale e aiutandoci economicamente il budget necessario potrebbe anche ridursi a 2 milioni. Stiamo parlando pure con i nostri attuali finanziatori e stiamo cercando anche di capire che aiuto darebbe la Dorna. E’ importante poter correre con materiale competitivo».

Il manager ha aggiunto che nelle prossime tre settimane tutto dovrebbe essere chiarito. Si capirà se il progetto sarà fattibile o meno. Una volta ottenuto il budget, si potrà ragionare sulle scelte riguardanti sia il produttore a quale legarsi che il pilota (o i piloti) su cui puntare.

La certezza sembra essere l’intenzione di puntare su rider di lingua tedesca. Non a caso sono stati menzionati Jonas Folger, Markus Reiterberger e Sandro Cortese. Ma Bales ha citato anche Thomas Gradinger e Lukas Tulovic. Per quanto riguarda la moto, non escludiamo che il team Kiefer Racing cerchi un accordo con BMW, casa tedesca che ha una S1000RR in crescita. Non rimane che attendere.