Salute: allarme Sepsi, la malattia che uccide 10 volte più dell’HIV

Sepsi
(foto dal web) 

Tutto quello che c’è da sapere sulla Sepsi, una sindrome che colpisce 30 milioni di persone al mondo: è più letale dell’Hiv

La Sepsi causa tra i 7 e i 9 milioni di morti l’anno, un bilancio drammatico: basti pensare che l’HIV (o Aids) ne uccide ‘solo’ circa 800mila. Ma di cosa si tratta? Ecco la spiegazione del sito Global Sepsis Alliance: “La sepsi è una condizione in cui la risposta del corpo ad una infezione coinvolge tessuti e organi, e può portare alla morte fino al 50% dei casi. Possono scatenarla molti diversi microrganismi, da quelli legati a infezioni banali come l’influenza a batteri e funghi. Colpisce nel mondo 30 milioni di persone“. C’è una stretta correlazione con la resistenza agli antibiotici, che aumenta la diffusione delle infezioni e rende più difficile farle guarire. In Italia, secondo l’ultimo rapporto Osservasalute, nel 2016 ci sono stati ben 49301 morti per questa patologia, il 75% di casistiche si riscontra tra gli anziani. Gli esperti segnalano che con azioni opportune il tasso di mortalità è calato fino al 20% in Australia, Gran Bretagna, Usa e Brasile. L’obiettivo è ridurre di un quinto le morti per sepsi entro il 2025.