Alonso a testa in giù. Inizia male l’avvicinamento alla Dakar

0
77
Fernando Alonso , Toyota Hilux (©F1i.com)

Automobilismo| Alonso a testa in giù. Inizia male l’avvicinamento alla Dakar

Brivido per Fernando Alonso mentre stava disputando la Lichtenberg 400, rally raid che si svolge in Sudafrica. Dopo appena 23 km dei 190 previsti della prova del sabato, il due volte iridato di F1, alla guida della Toyota Hilux con cui parteciperà alla Dakar 2020 il prossimo gennaio, si è trovato a ruote in aria.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI
Sfortunatamente è stato un vero incubo, il suo disappunto riportato da Motorsport.com a fine giornata. “Ci siamo capottati, poi abbiamo rotto il parabrezza e abbiamo dovuto rimuoverlo. Sono stato anche costretto a guidare con gli occhiali, ma la polvere alzata dalle altre auto era troppa“.

Dopo il buon risultato del prologo del venerdì quando aveva chiuso a 32″ dal pilota più rapido, lo spagnolo ha dovuto fronteggiare numerose avversità, tra cui la presenza di volatili.

Per il secondo giro, quello del pomeriggio, gli organizzatori ci hanno permesso di partire davanti a tutti per evitare la polvere e avere una visuale pulita, ma dopo alcuni chilometri abbiamo colpito un uccello e il parabrezza si è rotto di nuovo. Da quel momento ho dovuto correre con una mano sul parabrezza per sorreggerlo, e l’altra sul volante“, ha proseguito il suo racconto quasi da film, ma in realtà abbastanza in linea con le difficoltà proposte da questo genere di competizioni

“Per noi non è certo stata la giornata migliore, ma siamo riusciti a fare chilometri sulla Hilux ed è bello provare queste cose prima di arrivare a corse più importanti”, ha quindi cercato di sdrammatizzare guardando al bicchiere mezzo pieno.

Il prossimo appuntamento a cui prenderà parte in Samurai sarà il Rally del Marocco in programma dal 3 al 9 ottobre. Anche lì sarà navigato dall’esperto Marc Coma che gli sta insegnando i trucchi del mestiere.

Chiara Rainis