Fabio Quartararo e Marc Marquez in lotta al Gran Premio di San Marino 2019 di MotoGP a Misano (Foto MotoGP)
Fabio Quartararo e Marc Marquez in lotta al Gran Premio di San Marino 2019 di MotoGP a Misano (Foto MotoGP)

MotoGP | Misano, le pagelle: stavolta sono ben due i piloti da 10

Un Gran Premio di San Marino vissuto sul dualismo tra due fenomeni. Fabio Quartararo, che ha comandato tutta la gara, e Marc Marquez, che lo ha superato all’ultimo giro andando a vincere. Marc Marquez, il campione del presente, e Fabio Quartararo, quello del futuro. Sembrano gli unici due piloti ad oggi che possono vantare su un talento superiore agli altri, e anche i voti delle pagelle dopo-gara di TuttoMotoriWeb.com a Misano Adriatico li premiano, come è doveroso che sia.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Marc Marquez: voto 10 e lode. L’ultima cosa che volete dare ad un campionissimo come lui è una motivazione. Stavolta il Cabroncito ne aveva ben due: le sconfitte consecutive patite all’ultima curva in Austria e in Gran Bretagna, e lo scontro del giorno prima con Valentino Rossi. Le ha trasformate in una grinta bestiale con cui si è andato a prendere la vittoria, studiata e meritata più che mai. Altro che accontentarsi e pensare al Mondiale.

Fabio Quartararo: voto 9,5. Il talento non gli manca, e lo sapevamo già. Ieri ci siamo resi conto che ha anche la freddezza e la lucidità necessarie per reggere alla pressione di un certo Marquez alle sue spalle, e per rispondere colpo su colpo ai suoi attacchi. Cede solo all’ultimo giro e rimanda così l’appuntamento con il primo successo. Ma il futuro della MotoGP è tutto suo.

Maverick Vinales: voto 7. Conquista il podio, ma non lo si può certo ritenere un risultato soddisfacente, visto che partiva dalla pole position. Ancora una volta fatica a prendere il ritmo giusto nei primi giri, e questo basta al duo di testa per andare in fuga e crearsi quel cuscinetto di vantaggio che Top Gun non riuscirà più ad erodere. Un problema sul quale deve ancora lavorare.

Valentino Rossi: voto 7. Per la terza volta consecutiva è al quarto posto, anche se stavolta era veramente il massimo a cui potesse ambire, visto che fin dalle prove non è sembrato avere un passo gara che gli potesse permettere di puntare al podio. Da parte sua, non riesce come molte altre volte a compiere quel salto in avanti decisivo nell’assetto per la domenica.

Andrea Dovizioso: voto 6,5. Anche lui fa il possibile, in un weekend complessivamente davvero disastroso per la Ducati. A mandarla in crisi è la mancanza di aderenza dovuta al trattamento di pallinatura a cui è stato sottoposto l’asfalto di Misano, che soffre più dei diretti avversari. Ma una moto che vuole il Mondiale non può permettersi delle prestazioni che restano ancora così altalenanti.

Danilo Petrucci: voto 5. In un Gran Premio che, come abbiamo detto, è stato deludente per l’intera Ducati, lui non riesce nemmeno a conquistare la sufficienza. Continua ad arrancare, e gli capita da un po’ di tempo, ed è lui stesso ad indicare ciò che dovrebbe fare per superare i suoi limiti: dimagrire e adattare lo stile di guida. Lo sa, ma evidentemente non riesce ancora a metterlo in pratica.

Fabrizio Corgnati