Danilo Petrucci
Danilo Petrucci (Getty Images)

MotoGP Misano, Danilo Petrucci: “I problemi sono due”

Danilo Petrucci vuole dimenticare rapidamente il GP di Misano: dopo aver terminato decimo, il pilota ufficiale Ducati guarda avanti verso Aragon. Ma sa di dover apportare modifiche entro il 2020, sia nella forma fisica che nel suo stile di guida. “È chiaro che è stata una domenica molto difficile”, ha commentato Danilo Petrucci sul suo GP di Misano. Dopo la 17esima posizione in griglia il decimo posto ha limitato un po’ i danni, ma è la peggior prestazione stagionale.

La buona notizia è che Petrux ha riconquistato il terzo posto in classifica generale grazie alla caduta di Alex Rins: “La gara ha confermato che il mio peso e il mio stile di guida hanno un impatto particolarmente negativo qui. Il problema: esiste una soluzione per la guida, ma non per il mio peso – almeno non a breve termine. Ho dato il massimo. Fino a sabato sera, ho studiato tutto ciò che puoi fare su una moto. La mia squadra mi ha aiutato molto. Ho provato a guidare nel miglior modo possibile. Questo è il risultato. Se perdi più di un secondo nel giro dall’alto, sei solo molto lontano”.

Nelle restanti sei gare occorre lavorare in parte anche per conservare il terzo posto e soprattutto migliorare lo stile di guida. Per il problema peso c’è poco da fare a breve termine e resta il problema al massimo grado di inclinazione quando c’è poco grip: “E’ chiaro che dobbiamo trovare una soluzione per il prossimo anno perché devi adattarti. Farò del mio meglio per adattare il mio stile di guida, anche se devo dire che questo non è il problema principale. Perdere peso aiuterà di più, ma è chiaro che non posso perdere i 15 kg che ho di più  rispetto ad Andrea o Miller”.