Hamburger contaminato, bambino di 10 anni muore per virus e-coli

0
213
hamburger contaminato
Bimbo muore 8 anni dopo per le conseguenze di un hamburg contaminato da e-coli – FOTO: tuttomotori

Mangia un hamburger contaminato dal virus e-coli comprato in una nota catena commerciale presente anche in Italia, bimbo muore dopo atroci sofferenze.

La storia che v stiamo per narrare ha dell’incredibile e tutto parte da un hamburger contaminato. Il piccolo Nolan Moittie è morto a 10 anni per colpa di un batterio che aveva infettato la carne del prodotto. Il fatto avvenne in Francia 8 anni fa. Da allora il bambino ha dovuto vivere su di una sedia a rotelle, in condizioni di totale non autosufficienza. Non poteva più camminare né mangiare da solo. Tutto per colpa di quanto avvenne quel maledetto giorno del 2011 al Lidl, dove i suoi genitori acquistarono l’hamburger contaminato. A colpirlo fu il virus della e-coli, che finì con il contagiare altri 14 bambini. I medici riuscirono a salvarlo per i capelli allora, ma a costo di gravissimi deficit motori e cognitivi.

LEGGI ANCHE –> Nadia Toffa, Pucci le scrive una dedica bellissima: “Dov’è la tua voce?” – FOTO

Hamburger contaminato, bambino muore dopo 8 anni di sofferenze

La vita di Nolan non sarebbe mai stata più la stessa. Sono stati 8 anni di grande sofferenza. E qualche giorno fa il bambino si è sentito male, al punto da spingere ben presto la famiglia a farlo ricoverare d’urgenza in ospedale. Anche stavolta i dottori le hanno provate tutte, ma senza riuscire a fare niente per poterlo salvare. Il fisico di Nolan era ormai provato da anni di battaglie e si era estremamente indebolito. Alla fine il suo cuore ha cessato di battere. Lo stesso destino era toccato anche ad un altro di quei bambini infettati dall’e-coli. In questo caso la vicenda si è svolta qualche anno fa. Questo scandalo fece molto scalpore in Francia e portò ad una condanna per un alto dirigente della filiale transalpina di Lidl, Guy Lamorlette.

LEGGI ANCHE –> Colesterolo alto cibi consigliati: i formaggi da poter mangiare e non