Aleix Espargarò
Aleix Espargarò (©GettyImages)

MotoGP, Aleix Espargarò manda un messaggio al fratello Pol

Il pilota spagnolo dell’Aprilia Aleix Espargaró ha dovuto accontentarsi della quinta fila a Misano nelle qualifiche e ha elogiato suo fratello Pol e KTM per la conquista della prima fila.

Per Aleix Espargaró il sabato a Misano è stato tutt’altro che buono. Dopo un venerdì di prove libere incoraggiante, concluso al nono posto, il rider di Noale non è riuscito a ripetersi nelle FP3 e quindi è dovuto passare per la Q1, dove è arrivato quinto, che equivale alla 15esima piazza in griglia di partenza. “Ho dato tutto, non è stata una brutta qualifica”, ha riassunto il pilota ufficiale Aprilia. “Con poco gas ho dato tutto, volevo essere più vicino all’1’32”. Devo rischiare molto anche io per essere tra i primi dieci. La gara sarà molto difficile per tutti. La pista è difficile, ha pochissima aderenza ed è scivolosa. Cercherò di rimanere sintonizzato, mostrare un buon ritmo e, eventualmente, trarne beneficio quando gli altri dovrebbero eventualmente rovesciare”.

A suo fratello, che è al secondo posto al termine delle qualifiche, Aleix ha fatto i complimenti: “Pol e KTM stanno facendo un ottimo lavoro. Sono solo la terza stagione qui nel Campionato mondiale MotoGP. Posso solo fare loro applausi. Ho visto Pol, sta benissimo sulla moto. Mi ricorda un po’ di tempo fa, quando è diventato campione del mondo nella classe Moto2. Guida super aggressivo, al limite e tuttavia si sente sicuro”. Cosa attendersi per la gara di oggi? “Ma non si sa mai, le gare non sono guidate con gomme morbide ma con pneumatici medi – ha concluso Aleix Espargarò -. Mio fratello e Zarco probabilmente saranno troppo forti qui in gara”.