Valentino Rossi nella conferenza stampa alla vigilia del Gran Premio di San Marino 2019 a Misano (Foto MotoGP)
Valentino Rossi nella conferenza stampa alla vigilia del Gran Premio di San Marino 2019 a Misano (Foto MotoGP)

MotoGP | Valentino Rossi correrà fino a 43 anni? “Da cosa dipende il mio rinnovo”

Ancora una volta è stato Alessio “Uccio” Salucci, il braccio destro di Valentino Rossi, l’amico di una vita, a indicare la strada per il futuro della sua carriera: “Se dovesse fare un bel 2020”, ha commentato ai microfoni del Quotidiano nazionale, “a quel punto perché non pensare di vederlo in pista anche nel 2021 e nel 2022? Tutto può succedere”. Insomma, chi dava per scontato che quello attuale, in scadenza al termine della prossima stagione, sarebbe stato il suo ultimo contratto in MotoGP, potrebbe essere clamorosamente smentito.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Del resto, Valentino Rossi ci ha ormai abituato all’impossibile, e quindi perché non compiere un’altra impresa del genere prolungando per altri due campionati il suo accordo con la Yamaha, e andando avanti a correre fino all’incredibile età di 43 anni? L’idea, indubbiamente, circola per la testa del Dottore in questo periodo, ma nel suo entourage non c’è alcuna intenzione di affrettare la decisione.

Il futuro di Valentino Rossi appeso alla Yamaha 2020

Come ha lasciato intendere lo stesso Uccio, la variabile fondamentale, nella difficile scelta di Rossi tra prolungare la sua vita sportiva o appendere il casco al chiodo, sarà la sua competitività. Ed è stato lo stesso fenomeno di Tavullia a confermarlo, ieri, nel corso di una lunga intervista esclusiva rilasciata a Guido Meda ai microfoni di Sky Sport, alla vigilia del suo Gran Premio di casa a Misano: “Intanto bisognerà fare una terza parte di stagione buona perché ci sono altre sei, sette gare”, ha spiegato. “Si lavora e già certe cose si possono mettere su questo anno. I risultati dell’anno prossimo saranno importanti per capire se avrò ancora la forza e la velocità necessaria per continuare oppure no”.

Ma i risultati dell’anno prossimo, a loro volta, non dipenderanno soltanto da lui, bensì soprattutto dalla velocità della nuova Yamaha. Il nove volte iridato si aspetta una svolta tecnica dalla Casa dei Diapason, dopo due anni e mezzo di inutili richieste di correzioni. Negli ultimi test, però, qualche segnale in tal senso è arrivato, visto che il prototipo della M1 per il 2020 presentava novità visive evidenti, che sembrano lasciar ben sperare Vale. “Finalmente!”, ha esultato. “Sono tutte cose piccoline, però c’è soprattutto lo scarico che addolcisce l’erogazione, finalmente. Poi il forcellone in carbonio mi piace, perché la moto diventa un po’ più precisa in ingresso. Finalmente sembra che arriviamo ai test e abbiamo delle novità vere da provare, cosa che negli ultimi anni non è mai successa. Ora la Yamaha si sta impegnando e questa è una cosa positiva”.

Il verdetto nei test invernali

Per provare la versione definitiva della moto per la prossima stagione, però, il numero 46 dovrà attendere gennaio, con i test di Sepang. “La cosa positiva è che c’è già una moto 2020 e che abbiamo già fatto due test con quella”, prosegue Rossi. “C’è ancora tanto da lavorare, ci sono delle cose che vanno già meglio e altre che ancora non vanno, però abbiamo cominciato a Brno, come fanno gli altri e come facevamo noi quando vincevamo. Quindi questo è positivo, però secondo me si evolverà almeno fino a febbraio dell’anno prossimo per avere il prototipo finale”.

Colpisce soprattutto il fatto che l’opinione espressa dal suo compagno di squadra Maverick Vinales non sia stata però altrettanto positiva. Il motivo non lo capisce nemmeno il pesarese: “Non saprei rispondere a questa domanda. Io quando faccio i test cerco di capire se una cosa va meglio o peggio, magari senza guardare tanto i tempi. A me è sembrato un po’ meglio e siamo stati abbastanza competitivi. Non eravamo male anche col passo, eravamo abbastanza veloci”. Resta da vedere se queste impressioni saranno confermate anche il prossimo anno. E magari lo convinceranno a restare in MotoGP fino al 2022.