Posto di blocco carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

Durante la scorsa notte, a Rozzano i carabinieri sono stati costretti a lanciarsi all’inseguimento di un’auto e poi sparare alle ruote della stessa per fermare la folle corsa di un 31enne che aveva ignorato l’alt ad un posto di blocco.

Le strade di Rozzano alle prime luci dell’alba di stamane, venerdì 13 settembre, sembravano essersi trasformate in un set cinematografico di un film d’azione. Una volante dei carabinieri si è lanciata all’inseguimento di un’auto, che non si era fermata all’alt del posto di blocco, sparandogli successivamente alle gomme arrestandone la corsa. L’uomo alla guida, un ragazzo di 31 anni residente ad Assago, ha perso il controllo dell’auto schiantandosi contro una rotatoria. Il 31enne è stato soccorso dal personale medico del 118 giunto sul posto e trasportato presso l’ospedale San Carlo di Milano, dove è attualmente ricoverato e piantonato dai carabinieri.

Rozzano, inseguimento da film d’azione: carabinieri fermano auto in corsa dopo aver sparato alle gomme dell’auto

Un inseguimento da film culminato con degli spari esplosi da alcuni carabinieri alle gomme di un fuggitivo per bloccarlo. Questa è quanto si è verificato intorno alle 3 della scorsa notte a Rozzano, comune nella provincia di Milano, una scena che sembra tratta da un film d’azione. Secondo quanto ricostruito sino ad ora e riportato dalla redazione di Milano Today, un 31enne dopo non essersi fermato all’alt dei carabinieri ad un posto di blocco è fuggito danneggiando diverse macchine parcheggiate e tentando di investire i militari dell’Arma. I carabinieri hanno dato vita ad un inseguimento per fermare il fuggitivo che non ha arrestato la sua corsa neanche quando altre due pattuglie gli avevano sbarrato la strada sfondando il posto di blocco. A quel punto, come riporta Milano Today, un militare ha esploso due colpi di pistola centrando le gomme dell’auto del 31enne che ha perso il controllo del veicolo schiantandosi contro una rotonda. L’uomo alla guida è stato successivamente soccorso dai sanitari del 118 che lo hanno trasportato in codice giallo presso l’ospedale San Carlo di Milano, dove è attualmente piantonato. I medici del nosocomio milanese avrebbero trovato l’automobilista positivo ai test tossicologici e all’etilometro, probabilmente la ragione per cui non si è fermato all’alt delle forze dell’ordine.

Leggi anche —> Lite in strada sfocia in tragedia: giovane padre accoltellato davanti alla moglie ed il figlio