Patente con l'Iva
(foto dal web)

Patente con l’Iva, in arrivo la revoca dell’esenzione per i debiti dal 2015: tutte le news sui rincari

Una recente pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che l’esenzione dall’IVA riguarda le “operazioni relative all’educazione dell’infanzia e della gioventù, all’insegnamento scolastico e universitario, nonché le operazioni relative alla formazione e alla riqualificazione professionale, comprese le lezioni private, impartite da insegnanti”. Dunque, nessuna applicazione per quanto concerne le scuole guida, che non fanno parte delle pratiche scolastiche o universitarie. Una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate ha dunque stabilito che la patente di guida costerà il 22% in più per l’Iva perché le scuole guida potranno far pagare il sovrapprezzo ai clienti. Un’interpretazione rigida della risoluzione porterebbe inoltre a una retroattività: le autoscuole pertanto dovrebbero versare l’Iva dovuta dal 2015 in poi. Chi ha conseguito la patente in quel periodo difficilmente dovrà versare l’arretrato, ma potrebbero esserci rincari notevoli per quanto riguarda le scuole guida e i neopatentati. I costi delle lezioni di teoria salirebbero fino a circa 500 euro, quelle delle lezioni di guida a circa 50 euro. La senatrice Simona Pergreffi, della Lega, spiega: “Se facciamo una stima della retroattività, l’importo totale dell’Iva è di diverse centinaia di milioni di euro, una somma che porterebbe all’estinzione di un’intera categoria di imprese e di lavoratori'”. La Pergreffi e il deputato Daniele Belotti presenteranno dunque in Camera e Senato una mozione per impegnare il governo a evitare la retroattività.