Andrea Dovizoso sulla griglia di partenza con la sua Ducati (Foto Ducati)
Andrea Dovizoso sulla griglia di partenza con la sua Ducati (Foto Ducati)

MotoGP | Per Andrea Dovizioso l’ultima spiaggia sta… sulla Riviera romagnola

La rincorsa al Motomondiale è sfumata anche quest’anno, ma stavolta è davvero difficile sostenere che sia colpa sua. Su Andrea Dovizioso, nel corso di questa stagione, si è accanita la sfortuna, o se preferite i suoi avversari: le uniche due battute a vuoto in cui è incappato nel 2019, infatti, sono state provocate da incidenti in cui si è ritrovato coinvolto incolpevolmente, suo malgrado. Ma li ha pagati cari.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Solo in quelle due gare, Desmodovi ha accumulato ben 55 dei 78 punti di vantaggio che il leader della MotoGP, Marc Marquez, ora vanta nei suoi confronti. Un margine oceanico, che permette al Cabroncito di considerare sostanzialmente già vinto il suo ottavo titolo mondiale. Il campione catalano potrebbe anche andare in vacanza nei prossimi tre Gran Premi e tornare ancora in testa alla classifica generale, indipendentemente dai risultati del suo rivale. Oppure, se preferite, gli basterebbe mantenere intatto il suo record stagionale, in base al quale il suo peggior risultato finora (quando è arrivato al traguardo) è stato un secondo posto, per neutralizzare anche un’improbabile striscia positiva di vittorie di Dovizioso da qui alla fine della stagione.

Dovizioso a caccia del bis a Misano

Insomma, per il forlivese della Ducati i giochi sono già chiusi, se non aritmeticamente almeno nella sostanza, ed è proprio lui il primo a saperlo. Eppure questo non significa che Andrea sia pronto a gettare la spugna e ad affrontare la fase finale di questo campionato senza motivazioni. Per il momento, il primo obiettivo è quello di ottenere i migliori risultati possibili, e quantomeno di rimandare la festa iridata di Marquez il più a lungo possibile. Cominciando da questo weekend, nell’appuntamento a domicilio del Gran Premio di San Marino.

A Misano Adriatico, Marc Marquez vanta un palmares invidiabile: cinque vittorie in tutte le classi, più di ogni altro pilota dell’epoca moderna. Ma anche Andrea Dovizioso, sulla sua pista di casa, ultimamente se l’è cavata alla grande: nel 2017 salì sul podio per la prima volta in MotoGP e l’anno scorso respinse gli attacchi del suo allora compagno di squadra Jorge Lorenzo e dello stesso Marquez andando a tagliare per primo il traguardo.

Ducati in lotta con Honda e Yamaha

Anche in questa edizione il chiaro obiettivo del ducatista di Forlì è quello di ripetere l’impresa del 2018 e battere di nuovo il suo avversario spagnolo. Non sarà facile, perché oltre alla Honda dovrà vedersela, con ogni probabilità, anche con la Yamaha, che nei test di due settimane fa sul circuito italiano hanno occupato i piani alti della classifica.

Ma ormai che Andrea Dovizioso non ha più nulla da perdere, può presentarsi al via con la mente sgombra da pressioni, e con la sola aspettativa di dare il massimo per rosicchiare almeno qualche punto al dominio assoluto di Marquez. Ora o mai più: per lui è l’ultima spiaggia, quella che si affaccia sul familiare mare Adriatico della Riviera romagnola.

Leggi anche —> Dovizioso a Misano per rialzarsi dalla caduta: come sta alla vigilia del GP

Fabrizio Corgnati