Valtteri Bottas (©Getty Images)

F1 | Toto Wolff bacchetta Bottas e rivela: “Deve ancora lavorare”

Con spirito battagliero per nulla disposto a cedere Charles Leclerc si è portato a casa la vittoria di tappa a Monza lasciando le briciole del podio alla Mercedes, ma se da un lato poteva sembrare Lewis Hamilton lo sconfitto della gara in quanto caduto nella trappola difensiva messa in atto dal monegasco della Ferrari, per il boss delle Frecce d’Argento Toto Wolff, chi è mancato è stato Valtteri Bottas, secondo al traguardo.

Il motivo della tirata d’orecchie? L’incapacità del finlandese si reggere il passo dell’avversario e servirgli sul piatto d’argento il successo davanti al pubblico di casa.

Sembra che faccia un po’ fatica a tirare fuori il massimo dalla macchina quando si trova nella scia di un’altra vettura“, ha sostenuto il manager austriaco. “Lewis è in grado di avvicinarsi di più per mettersi nelle condizioni di dare vita ad un attacco. E’ un qualcosa su cui Valtteri dovrà lavorare, in ogni caso è stato un weekend positivo, perché si è veramente dimostrato veloce, probabilmente era il più rapido del gruppo“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dal canto suo il driver di Nastola ha provato a difendersi imputando la colpa del calo nelle ultime tornate alle Pirelli.

In teoria avrei dovuto gestire di più le gomme, ma se volevo aggiudicarmi il gran premio potevo solo spingere“, ha spiegato il 29enne. “Negli ultimi quattro giri ho accusato un grande calo che ha reso tutto più difficile. E quando mi sono avvicinato abbastanza, ho avuto un bloccaggio dell’anteriore in frenata. Qualcosa di simile a quello che è successo a Lewis quando l’ho passato“.

Dati alla mano per avere la possibilità di sorpassare ci vuole un secondo di differenza di ritmo e io ne avrò avuto al massimo mezzo quando mi sono avvicinato a Charles. Ci ho provato in tutti i modi, però era fuori portata“, ha evidenziato per giustificare a prestazione al di sotto delle attese.

Chiara Rainis