Carro funebre
(Getty Images)

Il conducente di un carro funebre è stato sanzionato dalla Polizia Stradale che lo ha fermato dopo un inseguimento sull’autostrada A14 tra Trieste e Udine. L’uomo era stato notato da una pattuglia della polizia sfrecciare a tutta velocità.

Incredibile quanto accaduto sull’autostrada A4 tra Trieste e Udine. Il conducente di un carro funebre è stato fermato da una pattuglia della Polizia dopo averla superata oltrepassando i limiti di velocità. Una volta fermato, il conducente ha affermato agli agenti di essere in ritardo per la celebrazione di un funerale riprendendo la sua corsa. Gli agenti sono stati costretti, dunque, a far scattare l’inseguimento terminato con una sanzione per l’uomo alla guida a cui sono stati detratti dei punti dalla patente ed è stata comminata una multa.

Leggi anche —> Come Davide Astori: giocatore della nazionale ritrovato senza vita in una camera d’albergo

A tutta velocità sull’autostrada con un carro funebre: conducente sanzionato dopo un inseguimento della Polizia

Una multa di 400 euro e la decurtazione di 11 punti dalla patente, questa la sanzione comminata al conducente di un carro funebre fermato dalla Polizia dopo un inseguimento sull’autostrada A4 tra Trieste e Udine. Secondo la ricostruzione dei fatti, riportata dalla redazione di Leggo, l’uomo era stato fermato una prima volta dagli agenti della Polizia Stradale di Palmanova (Udine) che lo avevano visto superare la pattuglia a tutta velocità. A quel punto il conducente del veicolo ha spiegato di essere in ritardo per la celebrazione di un funerale ed ha ripreso la propria corsa costringendo la Polizia a far scattare un inseguimento con il supporto di un’ulteriore pattuglia. Alla vista delle due auto della Polizia, come riporta Leggo, l’uomo si è fermato ed i poliziotti hanno appurato che la bara trasportata era vuota e che vi era un’autorizzazione al trasporto di una salma da Trieste a Milano. Il conducente è stato, dunque, sanzionato per le infrazioni commesse e per non aver acconsentito immediatamente all’ispezione del veicolo con una multa di 400 euro e la decurtazione di 11 punti dalla patente di guida.

Leggi anche —> Caso Mario Biondo: “Entro la fine di questo mese la verità arriverà”