Andrea Iannone
Andrea Iannone (Getty Images)

Andrea Iannone pronto a lasciare Aprilia: “Io voglio vincere”

Il passaggio di Andrea Iannone non è stato indolore. Dopo una stagione 2018 esaltante in sella alla Suzuki, The Maniac fatica a trovare il feeling con la RS-GP, viaggiando costantemente nelle ultime posizioni.

Finora il suo miglior è un decimo posto agguantato per due volte e cinque piazzamenti in zona punti, spesso agevolati dalle cadute degli avversari. E il gap non accenna a diminuire: “Fin dall’inizio, da quando ho deciso di andare in Aprilia, c’era grande motivazione per questa nuova sfida” ha dichiarato Andrea Iannone a Motogp.com . “Sicuramente si è rivelata importante sia per me che per la squadra, penso sia una delle più difficili della mia vita. È difficile parlarne, ad essere sincero mi aspettavo una situazione completamente diversa e di conseguenza una stagione differente. Non è un momento facile… In questo modo non puoi esprimere il tuo potenziale ed è frustrante, soprattutto se penso che fino all’anno scorso lottavo per le posizioni di testa”.

Andrea Iannone guarda al mercato piloti

Sembrano lontani i quattro podi conquistati nel 2018 in sella alla Suzuki, eppure il cambio di livrea ha sprofondato Andrea Iannone nelle ultime posizioni. In attesa che la casa di Noale riesca a mettere a segno quel decisivo step in avanti atteso già in questa stagione. “È una situazione difficile da accettare perché non stiamo migliorando. Certo, forse c’è stato un piccolo passo avanti, ma non quanto speravo o volevamo. Aprilia però ha grande fiducia in me e mi ha scelto per questo progetto, quindi è importante che io continui a spingere, sempre con grande motivazione”.

Da parte sua c’è fiducia nei mezzi a disposizione di Aprilia, ma per convincerlo servono risultati concreti, soprattutto in vista del prossimo mercato piloti… “La mia filosofia di vita è evoluzione, non rivoluzione” ha continuato Andrea Iannone riferendosi alla prossima RS-GP 2020. “Quando cambi completamente, perdi sempre qualcosa. Da dire però che per la moto 2020 ci servono importanti cambiamenti. Non solo a livello tecnico, ma anche organizzativo, in fabbrica… Io voglio vincere, lottare per le prime posizioni, e vorrei farlo con Aprilia. Se però non fosse possibile, dovrò trovare altre soluzioni.”

Leggi anche: Aleix Espargarò sfiduciato: “Presto potrei fermarmi…”