monica setta

Grave lutto per Monica Setta che, sui social, scrive un toccante messaggio di addio: “non riesco a trattenere le lacrime”.

Grave lutto per Monica Setta che, su Facebook, annuncia la grave perdita ricevendo la solidarietà del pubblico che la sta inondando di messaggi d’affetto. La giornalista e conduttrice, infatti, ha perso l’adorata nonna a cui ha dedicato un toccante post.

Monica Setta piange la perdita della nonna: “non riesco a trattenere le lacrime”

Monica Setta ha deciso di condividere con i suoi fans il dolore per la perdita della nonna. Su Facebook, infatti, ha scritto: “e anche se oggi non riesco a trattenere le lacrime ripensando alla mia amatissima nonna che è volata in cielo a raggiungere mio padre. La professionalità mi impone di sorridere. Siamo alle prove di UnoMattina in famiglia”.

Per Monica Setta è stato un durissimo colpo. La giornalista, infatti, è stata raggiunta dalla notizia mentre era impegnata nelle prove di Uno Mattina in famiglia che condurrà durante il weekend sulle reti Rai insieme a Tiberio Timperi.

A darle la forza di affrontare con coraggio il difficile momento sono stati i fans che, sotto il suo post, hanno scritto: “Una preghiera per la tua carissima nonna. A te un grande augurio per il tuo nuovo programma”, “Sei una grande professionista. Un caro abbraccio e buon lavoro”, “Condoglianze cara Monica. Ti sia di conforto la consapevolezza di aver avuto vicino una persona straordinaria per così tanti anni…”.

In un successivo post, la Setta ha aggiunto:

Ciao nonna💖Tutta Rieti piange la tua scomparsa. Sei stata una donna straordinaria, hai attraversato l’Italia dagli inizi del secolo scorso ad oggi. La storia con la S maiuscola e la tua storia personale ricca di affetti, ma anche di grandi intuizioni nella vita professionale. Quando tuo marito, l’indimenticato commendator Giuseppe Melchiorre – scomparve nel dicembre 1994, sembrava che anche per te la vita fosse finita. E invece sei andata avanti tanti anni ancora, vigile e forte. Donna d’altri tempi e d’altra tempra. Ti ho chiamato venerdì scorso ed eri vispa e allegra come ogni giorno. “Ho un dolore al cuore” hai detto in serata a Valentina che ti accompagnava a letto dopo cena. Ti sei addormentata dolcemente per non svegliarti mai più. Che il viaggio ti sia lieve. Per noi resterai sempre qui al tuo posto in questa casa che guarda le montagne del Terminillo“.