Charles Leclerc (Getty images)

F1| Charles Leclerc incendia Monza e sul podio canta l’inno di Mameli

Il GP di Monza 2019 ha raccontato sostanzialmente due verità, ovvero che Sebastian Vettel non è più il Sebastian Vettel della Red Bull e che Charles Leclerc è destinato a regalare il mondiale alla Rossa. Di certo, quanto vissuto questa domenica nel Tempio della Velocità rimarrà nella mente di tutti i fan del motorsport e del Cavallino a lungo.

A nove anni di distanza dall’ultimo successo Ferrari in Italia, il 21enne è riuscito a spezzare l’incantesimo con una maturità degna di un pilota navigato. Abile a rintuzzare gli attacchi delle due agguerrite Mercedes, non si è fatto prendere dalla pressione e dall’ansia di prestazione e sul podio si è lasciato trascinare dall’entusiasmo, cantando addirittura l’inno di Mameli.

Ho iniziato a crederci a due giri dalla fine“, ha confidato ancora carico di adrenalina. “E’ stato incredibile. Sugli spalti notavo grande agitazione e ho fatto davvero fatica a rimanere concentrato e a pensare alla pista. Per quanto concerne la celebrazione, è andata oltre le mie aspettative. Mai vista tanta gente così“.

Sin dall’inizio del weekend il mio unico pensiero è stato quello di vincere. Per la prima volta in carriera non ho preso in considerazione altro“, ha proseguito con il suo flusso di emozioni. “Adesso mi sento libero da un peso. I 53 giri sembravano non finire mai“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Guardando al vicino futuro e al prossimo appuntamento di Singapore fra due settimane, il #16 è andato cauto: “Dobbiamo essere realisti. Sapevamo che questi due circuiti ci sarebbero stati amici. I prossimi invece non saranno così, Marina Bay in particolare“.

Infine Leclerc ha voluto condividere un ricordo, quello del giorno in cui arrivò per la prima volta a Maranello. “Non ricordo l’anno, ma ero in compagnia di Jules Bianchi. Lui aveva degli impegni promozionali e mi invitò ad accompagnarlo così da introdurmi nell’ambiente. Alla fine non mi fecero entrare in fabbrica. Oggi invece è molto più semplice per me…“, ha concluso con una battuta.

Leggi anche —> La Ferrari vince in casa: a Monza scatta la festa grande dei tifosi (VIDEO)

Chiara Rainis