ESCLUSIVA, Robert Kubica: “Vettel non ha dimenticato come si vince”

Robert Kubica (Getty Images)
Robert Kubica (Getty Images)

F1 | ESCLUSIVA, Robert Kubica: “Vettel non ha dimenticato come si vince”

Robert Kubica è da sempre uno dei piloti più amati dai tifosi italiani. In questa stagione dopo qualche tentativo andato a vuoto è finalmente riuscito a tornare in F1 dopo il terribile incidente che ne aveva rallentato la sua carriera. Noi di TuttoMotoriWeb.com lo abbiamo incontrato a Monza e lo abbiamo intervistato per voi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La tua scommessa di ritornare in pista possiamo ritenerla vinta?
Vinta sì, perché sono tornato e penso non sia stato facile. Purtroppo questa stagione è molto più complicata di quello che sembra. Ci sono tante cose che hanno messo un po’ in ombra quello che sono riuscito a fare. Poi ci sono tante difficoltà, al di là di quelle di guida, tornando dopo otto anni non era semplice. Poi è molto più complicato di quello che sembra da fuori, quindi peccato per quello perché sono convinto che con un’annata regolare si poteva fare bene. Io sono comunque soddisfatto di certe sensazioni che ho. Ci sono tante cose secondo me fatte bene, ma che non si vedono.

Ci dai un tuo giudizio su questa stagione da rookie da parte del tuo giovane compagno di team George Russell?
Da parte mia è difficile dare un giudizio, anche perché viviamo due momenti differenti di carriera. La stagione la viviamo in maniera simile perché è di sofferenza per entrambi. Sicuramente per lui è più semplice essendo il primo anno perché c’è entusiasmo e volontà, non che io non li abbia. Ma anche io ricordo che al primo anno mi sembrava tutto perfetto, anche quando non lo era. Lui sta facendo molto bene, come ha già fatto in F2 e GP3, sta disputando un’ottima stagione.

Vettel è stato molto criticato per i tanti errori commessi nelle ultime due stagioni, tu cosa ne pensi? Merita ancora una chance in Ferrari?
Io non sono il tipo che critica miei colleghi perché so cosa vuol dire correre ad alto livello. Chiaramente non tutti siamo uguali e qualcuno riesce a gestire certe situazioni meglio, qualcun altro no. Alla fine Vettel ha vinto tanto nella sua carriera e non ti dimentichi di vincere da un giorno all’altro. Spesso ci dimentichiamo che la F1 è uno sport e alcune volte rendi meglio, altre volte peggio. Bisogna vedere le cose con un quadro più ampio e non soffermarsi su quattro o cinque Gran Premi.

La tua carriera è ricca di incidenti che ti hanno frenato, ti senti un po’ in debito con la fortuna?
Sicuramente mi ritengo più fortunato che sfortunato essendone uscito vivo comunque. In particolare in quello nei rally bastava poco e le cose sarebbero andate molto peggio. Certo ho pagato un caro prezzo per un piccolo errore. Vedendo come sono andate le cose però mi ritengo fortunato.

Antonio Russo