A Monza Binotto rivela la formazione Ferrari del 2020

0
88

F1 | Binotto nega tensioni in Ferrari: “C’è spirito collaborativo”

Malgrado la prima giornata a Monza abbia regalato non poche gioie alla Rossa visto che Leclerc si è affermato il migliore in entrambe le sessioni, il pensiero è ancora ai fatti di Spa. La chiamata arrivata dal muretto a Vettel in cui si chiedeva al tedesco di far andare avanti il monegasco, più veloce e competitivo di lui, non ha ancora smesso di far discutere.

Considerato che era partito con i galloni del capitano, vedere Sebastian ridotto a scudiero del giovane Charles dopo appena mezza stagione ha colpito tutti.

Il gesto compiuto da Seb in Belgio è stato notevole. Alla fine era molto deluso, ma non di essersi dovuto sacrificare, bensì per la sua prestazione“, ha sostenuto il team principal Mattia Binotto in un incontro esclusivo con i media italiani.

In squadra c’è grande spirito collaborativo”, ha ribadito l’ingegnere negando qualsiasi tipo di tensione o di disappunto da parte del tedesco che, rispetto al novellino del Principato vanta quattro mondiali. “Prima del via della gara ci mettiamo al tavolo e discutiamo sulla tattica da utilizzare anche se certo non tutto può essere pianificato perché una volta che i piloti sono in pista sono loro al volante”, ha proseguito facendo intendere che l’ordine dal box a favore del #16 era già preventivato.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sempre a proposito dei due piloti, il dirigente 47enne ha negato la possibilità di un’uscita di scena di Vettel. “Vi posso confermare che la formazione per il 2020 sarà la stessa di quest’anno. Ad ogni modo ora il focus è tutto sulla stagione in corso. Dobbiamo migliorare l’auto e vincere il massimo delle gare”.

Quindi sulle chance di questa domenica ha detto: “La Mercedes è sembrata molto forte sul passo gara. Noi soffriamo di più“.

Infine sulle monoposto del futuro Binotto ha tirato una stoccata a Liberty Media: “Bisognerebbe ricordarsi che la F1 è uno sport, non uno show!“.

Chiara Rainis