Rubano in casa dell’uomo sbagliato: coppia di ladri costretta alla fuga

0
110
Ladri appartamento
(foto dal web)

Una coppia di ladri ha deciso di svaligiare la casa dell’uomo sbagliato: di fronte i due malviventi si sono ritrovati Andrea Bonfatti, maestro di arti marziali che con due sole mosse li ha messi in fuga.

È successo a San Giovanni in Persiceto, Bologna: una coppia di ladri ha deciso di rubare nella casa della persona sbagliata, quella del maestro di Ju Jitsu Andrea Bonfatti. L’uomo uditi dei rumori provenienti dal giardino si è immediatamente alzato dal proprio letto ed è corso a controllare: accese le luci si è imbattuto nei due ladri, da lì per i due l’amara scoperta. Bonfatti, con una bokken, spada giapponese in legno, ha messo in fuga i delinquenti.

Coppia di ladri tenta di svaligiare la casa di un maestro di arti marziali: i malviventi messi in fuga

Una storia che ha dell’incredibile quella accaduta nella notte di oggi, 3 settembre 2019, a San Giovanni in Persiceto, Bologna. Una coppia di ladri, con l’intento di svaligiare un’abitazione, si è introdotta nella casa di un mastro di Ju Jitsu, Andrea Bonfatti. I due, scoperti dall’uomo, sono stati neutralizzati e messi alla fuga. A parlare di quanto accaduto, riporta Il Resto del Carlino, il protagonista della vicenda. Andrea Bonfatti, maestro di arti marziali, ha spiegato l’esatta dinamica degli eventi ed ha riferito della sua reazione alla vista dei malviventi: “Quando mi hanno visto uno è arretrato e l’altro invece è rimasto fermo, anzi ha cercato di aggredirmi. E allora sono stato costretto a difendermi, prima con alcune mosse. Poi avevo preso con me la spada di legno– dice Bonfatti- e l’ho usata colpendolo a una gamba e un braccio. A questo punto si è dato alla fuga anche il secondo ladro. La spada l’avevo presa perché temevo che fossero armati”. Alla coppia di ladri, quindi, non è andata bene: “Non sapevano di aver tentato un furto nella casa di un maestro di arti marziali – continua Bonfatti –. Fra l’altro, mi occupo della formazione di allenatori di juj itsu e la difesa personale è alla base dei miei insegnamenti”. Il maestro di arti marziali, riporta Il Resto del Carlino, ha sporto denuncia alla stazione dei carabinieri di San Matteo, descrivendo uno dei due malviventi: “Ho descritto il ladro che ho colpito: circa 25 anni, carnagione olivastra, magro, jeans, scarpe da tennis, alto quasi un metro e 75 centimetri. L’altro non ho fatto in tempo a vederlo, perché era buio e si è subito dato alla fuga”.  A tal proposito, però, Bonfatti non è in grado di riferire come i due ladri siano scappati: “L’oscurità ha coperto la loro fuga e non so se abbiano preso un macchina parcheggiata nelle vicinanze. Dopo essere usciti dal mio giardino, ho visto che si sono incamminati lungo via Montale. Il secondo ladro – riporta Il Resto del Carlinoscappava zoppicando dopo i colpi che gli ho inferto con la spada di legno”. Nonostante la grande freddezza dimostrata in quegli attimi, il coraggioso maestro di arti marziali era comprensibilmente sotto choc: “Trovarsi di fronte i ladri, finché non ti capita, è qualcosa d’inimmaginabile – conclude Bonfatti-. È difficile descrivere la paura che si prova in questi momenti. Temi per la tua vita, perché potrebbero essere armati”.

Leggi anche —> Tragedia in mattinata: famiglia distrutta in un incidente stradale