colesterolo alto
Ospedale (Getty Images)

Un giovane ragazzo di 19 anni è ricoverato in gravi condizioni a Mestre per una meningite. Il 19enne era arrivato in ospedale accusando sintomi e dolori influenzali.

Un ragazzo di 19 anni è stato ricoverato all’ospedale dell’Angelo di Mestre, comune in provincia di Venezia, per una meningite. Il 19enne sarebbe arrivato presso il pronto soccorso del nosocomio veneto lamentando alcuni dolori e sintomi influenzali, febbre alta e mal di testa che perduravano ormai da circa una settimana. Dopo le accurate visite dei medici dell’ospedale è arrivata, però, la drammatica diagnosi: meningite meningococcica di tipo B. Il personale medico ha, dunque, disposto il trasferimento presso il reparto di rianimazione, dove adesso il ragazzo si trova ricoverato in gravi condizioni.

Leggi anche —> Tragedia in mattinata: famiglia distrutta in un incidente stradale

Accusa febbre e sintomi influenzali: i medici riscontrano una meningite, grave ragazzo di 19 anni

Era arrivato in ospedale accusando sintomi riconducibili all’influenza, poi i medici hanno riscontrato una meningite. Questo è quanto accaduto ad un ragazzo di 19 anni che tre giorni fa sarebbe stato ricoverato all’ospedale di dell’Angelo di Mestre (Venezia) per una meningite meningococcica di tipo B. Come raccontato dalla redazione de Il Gazzettino, i medici del nosocomio veneto hanno riscontrato la patologia dopo aver visitato il ragazzo che lamentava sintomi influenzali come febbre alta e mal di testa da circa una settimana. Dopo aver formulato la diagnosi, il 19enne è stato trasferito nel il reparto di rianimazione in gravi condizioni ed è attualmente sottoposto ad una terapia antibiotica, il quale esito potrà conoscersi solo tra qualche giorno. Il personale sanitario, come riportato da Il Gazzettino, ha già avviato le procedure di profilassi per le persone che sarebbero state a contatto con il ragazzo negli ultimi dieci giorni: alcuni familiari ed amici, per un totale di circa una decina di persone. Il personale dovrà rintracciare tutti i soggetti a contatto con il ragazzo per poi sottoporli a chemioprofilassi o a sorveglianza sanitaria, il cui tempo massimo previsto, tenendo conto dell’incubazione della meningite, è di dieci giorni.

Leggi anche —> Coppia scomparsa, il sopralluogo dei Ris: “Uno scenario così è da soggetti schizofrenici”