Dopo il fatale incidente di Hubert Spa corre ai ripari: ecco come

0
208
Circuito di Spa, Belgio (©Getty Images)

Automobilismo | Dopo il fatale incidente di Hubert Spa corre ai ripari: ecco come

Se finora le lunghe e ampie vie di fuga presenti nei circuiti moderni e in quelli storici adattati agli standard del nuovo motorismo hanno giocato a favore dei piloti, purtroppo in Belgio sabato scorso sono state decisive per l’infausto esito dell’incidente che ha visto coinvolti Giuliano Alesi, Juan Manuel Correa e Anthoine Hubert, quest’ultimo deceduto sul colpo.

Di conseguenza, pur non potendo toccare il punto esatto del tragico impatto trattandosi dell’uscita della pit lane utilizzata dal WEC, la direzione del circuito di Spa ha assicurato che verranno effettuati dei lavori di modifica alle “run off area”.

Anche se non apporteremo alcun cambiamento al Raidillon, ricopriremo di nuovo di ghiaia le parti esterne ai limiti del tracciato. Qualcosa che va benissimo per quanto concerne il regolamento stabilito delle moto e che evidentemente sarà positivo pure le auto“, ha sostenuto all’agenzia di stampa Belga la responsabile dell’autodromo Nathalie Maillet. “Al momento stiamo discutendo sul livello di profondità a cui è meglio andare e se sia necessario intervenire sull’intera zona esterna alla curva“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il GP del Belgio non si tocca

Bella e pericolosa, la pista di Spa resta e resterà sempre una delle più amate dai piloti di qualsiasi disciplina, motivo per cui, come ha ribadito Maillet, la morte del 22enne driver della Arden F2 non fermerà le corse sul suo magico layout.

Quanto accaduto è stata pura sfortuna. Un monito a tutti noi che non è possibile azzerare i rischi“, ha proseguito. “Come struttura abbiamo sempre lavorato a stretto contatto con la FIA per garantire gli standard di sicurezza. Adesso siamo in attesa del risultato dell’inchiesta circa le cause del crash, ad ogni modo è indubbio che la F1 continuerà a gareggiare in Belgio“.

Sebbene sia stato sconvolgente, si è trattato di un normale episodio di corsa“, ha continuato ad insistere promettendo i citati aggiornamenti.

Chiara Rainis