Mick Schumacher con la tuta della Ferrari (Foto Ferrari)
Mick Schumacher con la tuta della Ferrari (Foto Ferrari)

F1 | Mick Schumacher guarda alla F1: “Cosa ho imparato da papà Michael”

Più determinato che mai a seguire le orme paterne, che lo portano dritto dritto alla Formula 1. A vent’anni, il figlio d’arte Mick Schumacher sta affrontando la sua prima stagione in Formula 2, dove ha già vinto una gara, ma lo sguardo per il suo futuro è inevitabilmente puntato sulla categoria regina. In qualità di allievo della Ferrari Driver Academy, recentemente ha già avuto l’occasione di mettersi al volante della Rossa nei test in Bahrein, che gli hanno schiarito ancora di più le idee: “Questo è quello che voglio fare”, ha ribadito ai microfoni del quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il grande salto in F1, per ora, è rimandato: nel 2020 con ogni probabilità resterà per una seconda stagione nel campionato cadetto. “Si tratta di trovare il momento giusto, e ovviamente un sedile che sia libero”, ha spiegato Schumi Jr. Ma Mick non sembra avere fretta, forte di una pazienza sostenuta da una grandissima passione, e da un Dna da corsa che ha evidentemente ereditato dal suo illustre genitore: “Le Formula 1 sono come delle astronavi”, spiega affascinato il piccolo Schumacher. “Un tempo la F1 imparava dall’industria aerospaziale, ora succede il contrario”.

Quanto a papà Michael Schumacher, tuttora in lotta con le terribili conseguenze del suo incidente sugli sci, che lo ha lasciato in condizioni fisiche al momento ignote, il figlio Mick afferma comprensibilmente di avere “molto da imparare. Se guardo ora le sue gare, ci sono tanti giri in cui penso ‘Wow, ecco come ha fatto'”, prosegue. “La cosa più impressionante della sua carriera è stata il suo totale impegno nei confronti di questo sport. Ma penso che questo è l’atteggiamento che, in generale, abbiamo nella nostra famiglia. Qualsiasi cosa facciamo, la facciamo per bene”. Una garanzia non da poco, per la scuderia che deciderà di ingaggiarlo in Formula 1. Del resto, lo manda Michael Schumacher