Scott Redding
Scott Redding (©Getty Images)

Scott Redding sarà il compagno di Chaz Davies nel team Aruba Racing Ducati nel prossimo campionato mondiale Superbike. In settimana è stato dato il comunicato ufficiale e toccherà al britannico nel 2020 raccogliere l’eredità di Alvaro Bautista.

Una scelta naturale per la casa di Borgo Panigale, che conosce molto bene il pilota sia dalla passata esperienza nel team Pramac in MotoGP che grazie a quella attuale nel British Superbike Championship. Redding corre nel team Be Wiser ed è tra i maggiori contendenti al titolo 2019. Questo ha convinto i vertici del reparto corse a puntare su di lui.

Superbike 2020, Ducati si aspetta un Redding da titolo

Paolo Ciabatti, direttore sportivo Ducati, ha parlato così al sito ufficiale WorldSBK.com dell’ingaggio del rider 26enne: «Bautista per alcune ragioni non proseguirà con noi, quindi abbiamo valutato più opzioni. Scott era già stato con noi in MotoGP e adesso corre nel BSB. Ha fatto bene, vincendo sei gare e facendo cinque pole position. E’ secondo in classifica solo perché ha avuto un incidente nell’ultima gara, però è uno dei più piloti più forti e si è adattato molto bene alla Panigale V4 R. Sta facendo un buon lavoro e pensiamo possa essere un ottimo compagno per Davies nel 2020».

A Ciabatti viene chiesto anche quali siano le aspettative nei confronti di Redding per il 2020 e lui è chiaro in questo: «Scott si è adattato velocemente nel BSB quest’anno, con regole tecniche diverse e ottenendo ottimi risultati. Ci aspettiamo che possa essere uno dei contendenti al titolo nel 2020».

In Ducati per l’anno prossimo si attendono anche un Davies in grado di giocarsi il Mondiale Superbike. Nell’ultimo round a Laguna Seca il pilota gallese ha ritrovato la vittoria e fatto finalmente un weekend costantemente nelle prime posizioni. Ora dovrà essere abile a confermarsi, così da avere il giusto slancio in ottica 2020.