Carlo Verdone
Carlo Verdone (Getty Images)

Carlo Verdone, rinomato volto del cinema italiano, è stato invitato a partecipare alla Rassegna dell’Ordine dei Farmacisti di Roma: durante il suo intervento ha detto che in passato gli è stato somministrato del Fentalyn, un farmaco che i giovani oggi utilizzano come droga.

Carlo Verdone è stato invitato a partecipare alla Rassegna dell’Ordine dei Farmacisti di Roma: durante il suo intervento ha detto parlato del Fentalyn, un potente farmaco definito dallo stesso, riporta la redazione de Il Giornale, la “nuova droga dei giovani”.

Carlo Verdone ed il Fentalyn: “La nuova droga dei giovani”

Carlo Verdone, uno dei volti più noti del cinema nostrano, è stato invitato quale ospite alla Rassegna dell’Ordine dei Farmacisti di Roma, nel corso della quale è stato insignito del titolo di membro ad honorem. L’attore romano, infatti, è risaputo essere un grande conoscitore delle discipline mediche, come peraltro, ha avuto modo di dimostrare nelle sue pellicole, tanto che nel 2017 ha ricevuto anche la laurea honoris causa in medicina. Durante il suo intervento, Verdone ha parlato delle nuove e pericolose droghe a basso costo che si stanno diffondendo tra i giovani: tra queste il Fentanyl, un potente analgesico sintetico a base di oppioidi. L’attore, parlando di tale argomento e della gravità del fenomeno, si è ricollegato al suo prossimo film in uscita Si vive una volta sola che verrà proiettato in tutte le sale italiane a partire da febbraio. Verdone, riporta Il Giornale, ha voluto regalare qualche anticipazione sulla trama: “Facciamo uno scherzo a Rocco Papaleo, anestesista nella pellicola. Io mi fingo giornalista e gli chiedo cosa ne pensa di questi medicinali che stanno diventando droghe a basso costo per i giovani”. In chiosa al suo discorso l’attore ha esortato i giovani a smettere di fare uso di tali sostanze che in alcuni casi possono risultare letali, ed ha ammesso di aver fatto uso di Fentalyn in passato, ma ovviamente al solo scopo medico. “Io il Fentanyl l’ho provato quando mi hanno operato al midollo. È come essere in un batuffolo caldo. Attenzione, ci si muore. Lo possono usare solo i medici” ha dichiarato Verdone. Un appello accorato, quello dell’attore e regista, che ha voluto ribadire la pericolosità di questo farmaco e di come la sua somministrazione debba avvenire solo per mano di medici e professionisti ed al solo scopo curativo.

Leggi anche —> Richiamate migliaia di scatole di tonno: è allerta in tutta Europa