Isabella Noventa
Isabella Noventa (foto dal web)

Alcuni bagnanti hanno ritrovato altre ossa sulla spiaggia di Albarella, si tratta del quarto ritrovamento in pochi giorni che è stato collegato al caso della scomparsa di Isabella Noventa.

Nei giorni scorsi sulla spiaggia di Albarella, piccola isola nella provincia di Rovigo, dei bagnanti avevano ritrovato alcuni ossa. Giovedì è stato rinvenuto un altro frammento osseo, il quarto dal 20 agosto scorso, che è stato consegnato da una guardia giurata ai carabinieri di Rosolina nel pomeriggio di sabato. Dopo i primi ritrovamenti la Procura della Repubblica di Padova ha richiesto a quella di Rovigo di effettuare degli accertamenti temendo che i reperti possano appartenere ad Isabella Noventa, la donna di cui si sono perse le tracce nel gennaio 2016.

Caso Isabella Noventa: altre ossa dalla spiaggia di Albarella

Dalla spiaggia di Albarella, piccola isola nella provincia di Rovigo, sono riemerse altre ossa dopo quelle rinvenute nei giorni scorsi. Una guardia giurata, come riportato dalla redazione de Il Messaggero, avrebbe consegnato ai carabinieri di Rosolina venerdì pomeriggio scorso un frammento osseo di circa 9 per 7 centimetri in avanzato stato di decomposizione che era stato rinvenuto in spiaggia da alcuni bagnanti. Si tratta del quarto ritrovamento in pochi giorni: il primo lo scorso 20 agosto quando sono state rinvenuti un pezzo di una mandibola con alcuni denti ancora attaccati, un frammento di bacino e quello che potrebbe essere una porzione di una costola. La Procura della Repubblica di Padova dopo i primi rinvenimenti ha chiesto accertamenti a quella di Rovigo per appurare se le ossa possano appartenere ad Isabella Noventa, la segretaria 55enne scomparsa il 16 gennaio 2016. Per l’omicidio della donna, di cui non è mai stato ritrovato il cadavere, sono stati condannati in appello i fratelli Freddy e Debora Sorgato a 30 anni di reclusione e l’amica Manuela Cacco a 16 anni e 10 mesi. In prima battuta gli esperti dovranno verificare se le ossa siano umane e successivamente attraverso l’analisi del Dna accertare se possano appartenere alla donna scomparsa da scomparsa da Albignasego (Padova). Intanto nei giorni scorsi in merito aveva parlato il fratello della donna, Paolo Noventa, alla trasmissione Quarto Grado dichiarando: “Conosco perfettamente l’arcata dentaria di mia sorella e posso affermare con certezza che quella mandibola non è sua”.

Leggi anche —> Lasciato morire dai genitori a soli 3 anni: la raccapricciante scena del crimine