Lutto nel mondo della musica, Jovanotti: “Non dimentico il tuo sorriso”

Tomaso Cavanna
Tomaso Cavanna (foto dal web)

È morto oggi 28 agosto, proprio nel giorno del suo compleanno, a soli 45 anni Tomaso Cavanna, uno dei produttori del “Jova Beach Party”. Jovanotti ha voluto esprimere il proprio cordoglio tramite un commovente post su Instagram.

Il mondo della musica è in lutto: a soli 45 anni è scomparso Tomaso Cavanna, ex discografico ed uno dei produttori del “Jova Beach Party”. Jovanotti ha voluto esprimere il proprio cordoglio tramite un post di Instagram: una foto di lui e Cavanna insieme, corredata da un commovente messaggio.

Morto Tomaso Cavanna: ex discografico e produttore del Jova Beach Party

Tomaso Cavanna, riporta la redazione de Il Corriere, era figlio della sorella maggiore di Marco Balich, uno dei più grandi coreografi contemporanei. Cavanna era legato sentimentalmente a Edy Campo, una storica collaboratrice di Jovanotti e nel 2014 aveva fondato la Punk For Business, agenzia di eventi. Cavanna era anche docente al Master in Media relation della Cattolica e aveva inventato nuovi format di festival musicali, come il Market Sound e il Radio City di Milano. Un innovatore, una mente eccelsa, la cui prematura scomparsa ha lasciato un grande vuoto nel cuore di chi lo amava. Jovanotti, uno dei suoi più cari amici, ha voluto ricordarlo tramite un post di Instagram: una foto che li ritraeva insieme corredata da una commovente didascalia. “Caro Tomi ti aspettavamo per festeggiare il tuo compleanno oggi nel backstage e poi stasera con i piedi nella sabbia a ballare – ha scritto Lorenzo Cherubini sul proprio profilo – È difficile da credere che non ci sarai, ma come si fa? @edy_campo tutti noi ti abbracciamo forte, oggi la musica in spiaggia è dedicata al vostro grande amore e al sorriso indimenticabile del nostro Tomi”.

In un’intervista a Billboard Italia, riporta Il Fatto Quotidiano, Tomaso Cavanna aveva parlato di sé, facendo emergere il suo estro: “Sono un seguace dello star bene e dell’essere positivi, due fattori essenziali per un creativo. Poi c’è sempre attiva la modalità della curiosità: faccio sempre mettere in nota spese dei miei ragazzi anche le loro uscite ai concerti e alle mostre. Infine c’è un elemento anche di irrazionalità: noi diciamo sempre che: l’impossibile è possibile”. Un uomo amato da chi lo conosceva e stimato dai colleghi per la sua grande genialità.

Leggi anche —> Coppia scomparsa: la Procura indaga per sequestro di persona