Incidente domestico per un campione delle auto: è in coma farmacologico

0
746
Enzo Ide (©Getty Images)

Automobilismo | Incidente domestico per un campione delle auto: è in coma farmacologico

Grande spavento nel mondo della Blancpain Sprint Series. Enzo Ide, campione di categoria nel 2016, è stato vittima di un episodio di cui al momento non si conoscono le motivazioni.

Cosa è successo – Lo scorso 13 agosto rientrando a casa, la moglie del pilota del Team WRT, ha trovato l’uomo in stato confusionale. Dopo aver chiamato i soccorsi i sanitari hanno riscontrato delle emorragie interne per cause ancora da accertare.

Trasferito all’ospedale di AZ Sint-Jan di Bruges e sottoposto a diversi interventi chirurgici, il 28enne è stato posto in coma farmacologico e ora sarebbe in condizioni stabili, almeno secondo quanto riferito dai media locali.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La famiglia e la moglie di Enzo sono sotto shock per l’incidente“, il commento riportato dalla stampa belga dell’avvocato Stijn Verbist.  “Non sanno esattamente cosa sia successo, ma sperano che le sue condizioni possano migliorare per permettergli una pronta e completa guarigione“.

I nostri pensieri sono con il campione 2016 della Sprint Cup Enzo Ide, che è attualmente in cura in ospedale dopo aver subito un trauma cranico all’inizio di questo mese“, il messaggio invece diffuso via Facebook dalla serie turismo in cui si è distinto. “A nome dei suoi amici di SRO Motorsports Group, auguriamo ad Enzo un recupero completo e rapido“.

Chi è Enzo Ide – Come detto la sua carriera senza infamia e senza troppe lodi finora si è svolta in prevalenza nel GT. Il massimo risultato lo ha ottenuto nel 2016 vincendo il titolo Blancpain su una Audi R8 LMS GT3 condivisa con Christopher Mies e Robin Frijns.

Dopo un 2017 complicato, ancora assieme a Mies, in cui è stato in grado di conquistare soltanto due 6° posti a Misano e a Zolder, ha partecipato a poche gare, l’ultima lo scorso maggio nel WRX a Spa, alla guida di una Audi S1.

Chiara Rainis