Dopo quattro giorni di ricerche sono stati rinvenuti i corpi di Jonathan Goldstein, della moglie Hannah Marcinowicz e del figlio di soli 7 mesi: morti a seguito di un terribile incidente aereo avvenuto domenica 25 agosto scorso.

Ci sono voluti ben quattro giorni per rinvenire i corpi di Jonathan Goldstein, della moglie Hannah Marcinowicz e del figlio neonato a seguito dell’incidente aereo avvenuto domenica scorsa sul Sempione, al confine tra la Svizzera e l’Italia.

Leggi anche —> Omicidio Novara, Alberto Pastore: “Yoan non voleva farmi leggere le chat con Sara”

Incidente aereo: morti Jonathan Goldstein, la moglie Hannah Marcinowicz ed il figlio neonato

Sono state identificate, riporta La Repubblica, le vittime dello schianto aereo avvenuto domenica scorsa sul Sempione al confine tra la Svizzera e l’Italia. A morire nello schianto il compositore britannico Jonathan Goldstein, sua moglie, la sassofonista Hannah Marcinowicz ed il figlio neonato della coppia, Saskia, di soli sette mesi. L’aereo, un Piper PA-28 Arrow pilotato dallo stesso Goldstein, era decollato da Losanna e sarebbe dovuto atterrare a Milano, ma così non è stato. Il velivolo avrebbe perso quota in viaggio e si sarebbe schiantato al suolo.

Goldstein era un noto ed importante compositore inglese, autore di numerose colonne sonore per cinema e televisioni: tra i suoi più celebri capolavori la musica di “Cape Fear – Il promontorio della paura” di Martin Scorsese. Hannah Marcinowicz, sua moglie, era invece una affermata sassofonista.  Lo Swiss Security Investigation Board, riporta La Repubblica, ha subito aperto un’inchiesta per scoprire le cause che hanno condotto al terribile schianto, avvenuto a pochi chilometri dal confine italiano di Iselle di Trasquera, nel valico alpino tra Italia e Svizzera. I resti del velivolo turistico sono stati posti sotto sequestro dalle autorità che si stanno occupando del caso.

Un portavoce della famiglia, riporta Fanpage, ha dichiarato: “Siamo tutti devastati dalla notizia della morte di Jonathan, Hannah e Saskia. Li abbiamo amati tutti così tanto. Erano così felici insieme e ci mancheranno terribilmente“. Ai media è stato chiesto di rispettare la privacy della famiglia in questo momento estremamente difficile.

Leggi anche —> Stuprò 15enne in spiaggia, arriva la condanna: “Lei era consenziente”