Terrore a pochi minuti dal decollo: i passeggeri erano tutti italiani – VIDEO

Un aereo Boeing 737, in partenza da Sharm el Sheikh, Egitto, e diretto a Napoli, a pochi minuti dal decollo ha riscontrato un guasto tecnico ed ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza.

Momenti di puro terrore quelli vissuti dai passeggeri di un aereo Boeing 737 della compagnia egiziana AMC Airlines in partenza da Sharm el Sheikh, Egitto, e diretto a Napoli su cui viaggiavano ben 122 italiani: il pilota, a pochi minuti dal decollo, avrebbe riscontrato un guasto tecnico al velivolo e per tale ragione sarebbe stato costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza nell’aeroporto de Il Cairo.

Guasto ad un aereo: il pilota effettua un atterraggio d’emergenza

Non potevano immaginare che la loro vacanza nell’affascinante Sharm el Sheikh, Egitto, sita tra il Mar Rosso ed il Deserto del Sinai, sarebbe terminata con degli attimi di puro terrore. Un Boeing 737 della compagnia egiziana AMC Airlines, poco dopo il decollo avrebbe riscontrato un problema al motore, costringendo il pilota ad effettuare un atterraggio di emergenza. L’aereo diretto all’aeroporto di Capodichino, Napoli, contava a bordo ben 122 passeggeri italiani. Secondo quanto hanno riferito fonti aeroportuali, riporta Il Messaggero, il pilota del Boeing 737 della compagnia egiziana AMC Airlines accortosi del guasto tecnico ha seguito le procedure del caso ed ha chiesto di poter effettuare una deviazione ed atterrare sulla pista della capitale egiziana de Il Cairo. I passeggeri italiani sono quindi stati fatti sbarcare, in attesa di poter ripartire. In un primo momento, riferiscono sempre le fonti aeroportuali stando a quanto riferito da Il Messaggero, i responsabili della compagnia hanno pensato di riparare il guasto e di far ripartire equipaggio e passeggeri con lo stesso aereo. Successivamente però, resisi conto del fatto che ci sarebbe voluto troppo tempo, la compagnia ha deciso di far imbarcare i 122 italiani su un altro velivolo che da lì a poco è ripartito per Napoli.

Le parole dei familiari dei passeggeri: “Sono corso all’aeroporto

L’apprensione tra i parenti dei passeggeri è cresciuta quando questi ultimi hanno appreso la notizia del guasto e dell’atterraggio d’emergenza tramite i media. Numerosi di loro si sono precipitati all’aeroporto di Capodichino per attendere i propri cari. “Mia figlia non mi ha detto nulla dell’atterraggio di emergenza, l’ho saputo dai Tg, mi veniva da piangere e sono corso qui all’aeroporto“, ha detto Umberto, riporta Il Messaggero, padre di una dei passeggeri del volo che è giunto alle 20:45 all’aeroporto del capoluogo campano. Uno dei tanti parenti in aeroporto fa ascoltare a Il Messaggero, un vocale inviatogli da uno dei passeggeri: “Ci hanno spiegato – si sente nell’audio – che l’aereo quando stava per decollare è stato investito da uno stormo uccelli si è rotto un cristallo nella parte anteriore e siamo dovuti atterrare al primo aeroporto per un problema a un motore“.

Leggi anche —> Molotov contro nightclub: è una strage – FOTO